Lo spopolatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo spopolatore
Titolo originaleLe Dépeupleur
Altri titoliThe Lost Ones
AutoreSamuel Beckett
1ª ed. originale1970
1ª ed. italiana1972
Genereracconto
Lingua originalefrancese

Lo spopolatore è un racconto di Samuel Beckett scritto in francese (Le Dépeupleur) nel 1966, poi abbandonato quindi ripreso, completato e pubblicato nel 1970 dalle Éditions de Minuit di Parigi. In inglese, tradotto dall'autore stesso con il titolo The Lost Ones, è uscito presso Calder di Londra nel 1972. La traduzione in italiano, di Renato Oliva, è apparsa insieme a Senza per la prima volta nella collana Einaudi Letteratura della casa editrice di Torino nel 1972.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Corpi sparsi cercano i propri compagni perduti in un cilindro alto 18 metri e dalla circonferenza larga 50 metri, con la temperatura che passa da 5° a 25° gradi Celsius, più volte, anche assai rapidamente. Ce ne sono 200, circa uno per metro quadrato, e solo poche nicchie nella metà superiore del cilindro, in cui rifugiarsi. Alcune nicchie sono collegate da gallerie di difficile percorrenza. Chi si cerca a volte è in relazione amorosa, alcuni sono anche sposati, ma non per questo è facile che si incontrino. In un'atmosfera di derivazione infernale o forse più legata al purgatorio (Divina Commedia), ci sono scale (ma sono vecchie scale a pioli, i cui gradini a volte vengono staccati e usati come armi), spinte, nessuna solidarietà, anche se rari e fugaci amplessi, condizioni di disumanità, scontro tra ideali diversi[1].

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • La compagnia newyorkese dei Mabou Mines lo hanno rappresentato, sebbene con il permesso dell'autore che ne chiedeva una semplice lettura, come azione teatrale nel 1974.
  • Unmakeablelove Installazione di Sarah Kenderdine e Jeffrey Shaw nel 2008.
  • Peter Brook lo ha rappresentato in teatro nel 2013.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Samuel Beckett, Le Dépeupleur, Éditions de Minuit, Paris, 1970
  • id., The Lost Ones, Calder, London, 1972
  • id., Lo spopolatore, in Senza e Lo spopolatore, trad. Renato Oliva, "Einaudi Letteratura", Einaudi, Torino, 1972
  • id., Lo spopolatore, in L'immagine. Senza. Lo spopolatore, trad. Renato Oliva, "Nuovi coralli", Einaudi, Torino, 1989
  • id., Lo spopolator, in Racconti e prose brevi, a cura di Paolo Bertinetti, "Letture", Einaudi, Torino, 2010, ISBN 978-88-06-20215-6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questo ha portato Didier Anzieu a un'interpretazione psicoanalitica, dove il cilindro è la mente e gli esseri umani o quasi umani sono le idee attive e quelle che si rassegnano in un continuo processo evolutivo del pensiero. D. Anzieu, Samuel Beckett, trad. Rosa Maria Salerno, Marietti, Genova 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wanda Balzano, Searching for Beckett's Real Worlds in "The Lost Ones", in "Journal of Beckett Studies", nuova serie, XI, 1, autunno 2001, pp. 15–37
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura