Improvviso dell'Ohio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Improvviso dell'Ohio
Dramma
AutoreSamuel Beckett
Titolo originaleOhio Impromptu
Lingua originaleInglese
GenereDramma breve
Composto nel1981
Prima assoluta9 maggio 1981
Stadium 2 Theater dell'Ohio State University
Prima rappresentazione italiana1982
Festival di Asti
Personaggi
  • A, ascoltatore
  • L, lettore
 

Improvviso dell'Ohio (in lingua inglese Ohio Impromptu) è un dramma breve in un atto unico scritto nel 1981 dal drammaturgo irlandese Samuel Beckett e stampato per la prima volta nel 1981 (nella raccolta Rockaby and Other Short Pieces, Grove Press, London). La traduzione francese dell'autore stesso venne pubblicata dalle Éditions de Minuit con il titolo Impromptu d'Ohio, nella raccolta Catastrophe et autres dramaticules (1982). Quella italiana, di Carlo Fruttero e Franco Lucentini, in Tre pezzi d'occasione, presso Einaudi nel 1982.

Sono un ascoltatore e un lettore, secondo indicazione di Beckett il più possibile simili d'aspetto, seduti a un tavolo di legno grezzo. Hanno entrambi lungo cappotto nero e lunghi capelli bianchi. Uno legge e l'altro interrompe battendo le nocche della mano sinistra sul tavolo, al che il primo spesso ripete quel che legge. Il ritmo di interruzioni e riprese ha quasi una cadenza musicale. Quel che legge nel libro è la storia di un uomo che è andato via da un posto lungo il fiume, dove ha vissuto tanti anni con una persona ora scomparsa, e si è trasferito sull'altra riva. Qui gli fa visita qualcuno che si mette a leggergli una storia in piena notte, facendogli compagnia.

La prima mondiale fu nel 1981 a Columbus (Ohio), in occasione di un convegno internazionale su Beckett, tenuto per i suoi 75 anni. La regia era di Alan Schneider e gli attori erano David Warrilow e Rand Mitchell. La prima italiana, nel 1982, per la regia di Giancarlo Romani Adami, aveva come attori Virginio Gazzolo e Paolo Cosenza.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Samuel Beckett, Ohio Impromptu, in Rockaby and Other Short Pieces, Grove Press, New York 1981
  • Samuel Beckett, Ohio Impromptu, in Three Occasional Pieces, Faber and Faber, London 1982
  • Samuel Beckett, Impromptu d'Ohio, in Catastrophe et autres dramaticules, Éditions de Minuit, Paris 1982
  • Samuel Beckett, Improvviso dell'Ohio, trad. di Carlo Fruttero e Franco Lucentini, in Tre pezzi d'occasione, Einaudi, Torino 1982, pp. 46–63; poi in Teatro completo, Einaudi-Gallimard, Torino 1994, pp. 501–07

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Verna Foster, Beckett's Winter's Tale: Tragicomic Transformation in "Ohio Impromptu", in "Journal of Beckett Studies", nuova serie, I, 1/2, autunno 1991-primavera 1992, pp. 67–78
  • Katharine J. Worth, Il rituale dell'ascolto, in Sergio Colomba (a cura di), Le ceneri della commedia, Bulzoni, Roma 1997, pp. 265–91

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro