Linea Suin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Linea Suin
수인선
Nome originale수인선 - 水仁線
InizioIncheon
FineSuwon
Stati attraversatiCorea del Sud Corea del Sud
Lunghezza39,2 km
Apertura1937
Chiusura1995
Riapertura2012
GestoreKorail
Ferrovie
Korail Class 351000 EMU 3rd batch

La linea Suin (수인선, 水仁線 Suin seon) è una linea ferroviaria a carattere metropolitano situata nella regione del Gyeonggi-do e nella parte meridionale della città di Incheon e integrata con il servizio ferroviario suburbano di Seul, in Corea del Sud. Collega direttamente la città di Suwon con Incheon senza passare per il centro di Seul permettendo a Suwon di avere un accesso semidiretto all'Aeroporto Internazionale di Incheon. Parte della linea condivide lo stesso percorso della linea Ansan fra le stazioni di Università Hanyang ad Ansan e Oido. La linea percorre su una ferrovia ricostruita sul tracciato della vecchia ferrovia a singolo binario e scartamento ridotto abbandonata nel 1995. La linea è a doppio binario elettrificato e a scartamento normale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 29 marzo 2011: inizio dei lavori sulla prima tratta, fra la stazione di Songdo e la stazione di Oido.
  • 30 giugno 2012: la linea Suin ricostruita, dopo la chiusura del 1995, viene ufficialmente aperta da Oido a Songdo.
  • 27 dicembre 2014: inaugurazione della stazione intermedia di Darwol.
  • 27 febbraio 2016: la linea viene estesa verso ovest, da Songdo a Incheon.[1]
  • 10 luglio 2017: avvio dei servizi espressi sulla linea
  • 12 settembre 2020: prolungamento verso est da Oido a Suwon. La linea Suin e la linea Bundang vengono integrate nel servizip linea Suin–Bundang, che collega Incheon e Wangsimni, nel centro di Seul.[2] Alcuni treni partono dalla stazione di Cheongnyangni o da Wangsimni, con alcuni servizi limitati alle stazioni intermedie di Jukjeon, Gosaek, o fino al capolinea situato alla stazione di Incheon.

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

L'inaugurazione della stazione di Hagik tra Songdo e Inha University nel 2024. Inoltre, è allo studio un tronchino di collegamento presso Suwon che consentirà ai treni KTX di entrare sulla ferrovia ad alta velocità Gyeongbu dalla stazione di Incheon entro il 2025, permettendo a Incheon di usufruire dei collegamenti ad alta velocità.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La linea Suin viene utilizzata nell'ambito dei servizi ferroviari metropolitani della linea Suin-Bundang.

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

La nuova linea è costituita dalle seguenti stazioni:

Numero
stazione
Nome stazione
Inglese
Nome stazione
Hangŭl
Nome stazione
Hanja
Collegamenti
Posizione
K245 Suwon 수원 水原 Gyeonggi-do Suwon
K246 Gosaek 고색 古索
K247 Omokcheon 오목천 梧木川
K248 Eocheon 어천 漁川 Hwaseong
K249 Yamok 야목 野牧
K250 Sari 사리 四里 Ansan
K251 Hanyang Univ. at Ansan 한대앞 漢大앞 Seoul Metro Line 4.svg Linea 4
(tratta
comune)
K252 Jungang 중앙 中央
Linea Sinansan (dal 2023)
K253 Gojan 고잔 古棧
K254 Choji 초지 草芝
K255 Ansan 안산 安山
K256 Singil Oncheon 신길온천 新吉溫泉
K257 Jeongwang 정왕 正往 Siheung
K258 Oido 오이도 烏耳島
K259 Darwol 달월 達月
K260 Wolgot 월곶 月串
K261 Soraepogu 소래포구 蘇萊浦口 Incheon Namdong-gu
K262 Incheon Nonhyeon 인천논현 仁川論峴
K263 Hogupo 호구포 虎口浦
K264 Namdong Induspark 남동인더스파크 南洞産業團地驛
K265 Woninjae 원인재 源仁齋 Yeonsu-gu
K266 Yeonsu 연수 延壽
K267 Songdo 송도 松島
K268 Hagik 학익 鶴翼 Nam-gu
K269 Inhadae 인하대 仁荷大
K270 Sungui 숭의 崇義
K271 Sinpo 신포 新浦 Jung-gu
K272 Incheon 인천 仁川

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Sulla linea Suin vengono impiegati 18 treni Korail serie 351000. Sull'ex Suin Line, le Ferrovie Nazionali Coreane avevano utilizzato in passato locomotive a vapore a scartamento ridotto, un'automotrice diesel di fabbricazione giapponese, la KNR160 (nota anche come Niigata / Kawasaki Diesel Car) e l'automotrice KNR18000. Un vagone KNR160 (successivamente rinumerato KNR9160) e due vagoni KNR18000 sono conservati presso il museo ferroviario nella vicina Uiwang.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 경기신문: 수인선 전철 안산 구간 29일 착공, in Gyeonggi News. URL consultato il 1º maggio 2011.
  2. ^ Final phase of Korea’s Suin Line complete, in International Railway Journal, Simmons-Boardman Publishing Inc., 15 settembre 2020. URL consultato il 17 settembre 2020.