Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

YongIn EverLine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Seoul Metro EverLine.pngYongIn EverLine
용인경전철 - 龍仁輕電鐵
Servizio di trasporto pubblico
Yongin Everline Innovia ART Railcar.jpg
Un convoglio automatico della linea
TipoPeople mover
StatiCorea del Sud Corea del Sud
CittàYongin
InizioGiheung
FineJeondae-Everland
Apertura2013
 
GestoreYongin Rapid Transit Corporation
Mezzi utilizzatiBombardier Innovia Metro
 
N. stazioni e fermate15
Lunghezza18,1 km
Scartamento1 435 mm
Trazione750 V CC tramite terza rotaia
エバーライン路線図.png
Trasporto pubblico

La YongIn EverLine (용인경전철 - 龍仁輕電鐵, Yongin gyeongjeoncheol) è un people mover situato nella città di Yongin, nella periferia sudorientale di Seul, in Corea del Sud, e quindi integrata nel sistema metropolitano. L'inaugurazione era prevista per il 28 dicembre 2011, assieme all'estensione a sud della linea Bundang, ma per problemi tecnici è stata rimandata alla fine del 2012 e quindi al 26 aprile 2013.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione principale della linea, Yongin Municipio

Nel luglio 2004 la città di Yongin ha assegnato l'appalto per la costruzione al Yongin LRT Consortium, del quale Bombardier Transportation è il corpo principale. I lavori sono iniziati nel novembre 2005, e dal novembre 2009 sono iniziati i test sulla linea. La linea doveva aprire nel luglio 2010, ma a causa di alcune proteste per l'inquinamento acustico e la mitigazione ambientale, sono state condotte azioni legali che hanno ritardato l'apertura della linea[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea Yongin fornisce alla sua città di un comodo trasporto su rotaia, e presso il capolinea di Giheung permette di accedere alla linea Bundang, per raggiungere il centro di Seul.

Oltre che fornire un collegamento alla città, la nuova linea permette anche di raggiungere rapidamente Everland, uno dei più grandi e noti parchi divertimento della Corea del Sud. Da qui il nome alternativo EverLine.

La lunghezza del percorso è di 18,5 km, e serve 15 stazioni, quasi tutte su viadotto. Il sistema usa la tecnologia Bombardier.

  • Lunghezza percorso: 18.494 m
  • Scartamento: 1435 mm
  • Numero di stazioni: 15
  • Doppio binario: tutta la lunghezza del percorso
  • Elettrificazione: 750 V corrente continua a terza rotaia
  • Sistema di sicurezza: ATO (guida automatica)
  • Rotabili: Bombardier Innovia (motore lineare)
  • Numero di casse per convoglio: 1

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Num.
Nome
Alfabeto
Nome
Hanja
Collegamenti
Distanza
in km
Distanza
totale
Tipologia stazione
Posizione
Y110
Giheung
(Centro artistico Nam June Paik)
기흥
(백남준아트센터)
器興
(白南準아트센터)
Linea Bundang
-
0.0
Sopraelevata
Y111
Gangnamdae 강남대 江南大
Terreno
Y112
Jiseok 지석 支石
Sopraelevata
Y113
Eojung 어정 漁汀
Sopraelevata
Y114
Dongbaek 동백 東栢
Sopraelevata
Y115
Chodang 초당 草堂
Sopraelevata
Y117
Samga 삼가 三街
Sopraelevata
Y118
Sicheong
(Yongindae)
시청
(용인대)
市廳
(龍仁大)
Sopraelevata
Y119
Myeongjidae 명지대 明知大
Sopraelevata
Y120
Gimnyangjang 김량장 金良場
Sopraelevata
Y121
Yongin Stadium
Songdamdae
운동장
(송담대)
運動場
(松潭大)
Sopraelevata
Y122
Gojin 고진 古陳
Sopraelevata
Y123
Bopyeong 보평 洑坪
Sopraelevata
Y124
Dunjeon 둔전 屯田
Terreno
Y125
Jeondae
(Everland)
전대
(에버랜드)
前垈
(에버랜드)
18.4
Terreno

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

È in programma un'estensione verso ovest della linea, per circa 8 km, per unire l'attuale capolinea di Giheung con la stazione di Gwanggyo-Jungang sulla linea Shinbundang. I lavori dovrebbero iniziare per la fine del 2016, per aprire l'estensione nel 2020. Il tragitto dovrebbe essere il seguente:

  • 환승역을 제외한 노선의 역명은 모두 확정되지 않았다.
Num. Stazione Coreano Collegamenti Dist.
interst.
Dist.
totale
Posizione
Y110 Giheung 기흥 Linea Bundang Gyeonggi Yongin Giheung-gu
Y109 Singal Ogeori 신갈오거리
Y108 Heungdeok 흥덕
Y107 Yeongdeok 영덕
Y106 Hosu Gongwon 광교 호수공원 Suwon Yeongtong-gu
Y105 Gwanggyo-Jungang 광교중앙 Linea Sinbundang

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (KO) Choi, 용인시, 경전철 공사비 이자만 하루 6600만원 갚아야, su News, Kyunghyang Shinmun, 11 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]