Lillo Brancato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Mi considero italiano... sono cresciuto mangiando pasta. »
(Lillo Brancato)

Lillo Brancato Jr (Bogotà, 30 marzo 1976) è un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lillo Brancato è stato notato e scoperto da Robert De Niro mentre nuotava in spiaggia. De Niro lo fece subito recitare nel film da lui diretto Bronx nel 1993 con molto successo. Al primo provino per il film impressionò tutti per la straordinaria somiglianza a De Niro, interpretando anche il famosissimo pezzo del film Taxi Driver in cui De Niro parla a sé stesso davanti allo specchio. Egli è stato adottato dalla famiglia Brancato originaria di Messina e trasferitasi in America. Difatti il nome Lillo è tipicamente messinese legato alla patrona della città peloritana: la Madonna della Lettera.

L'attore ha lavorato anche nella serie televisiva I Soprano, interpretando il giovane mafioso Matthew Bevilaqua nella seconda stagione del pluripremiato show.

Ha avuto diversi guai con la giustizia: arrestato nel 2005 per una rapina nel Bronx alla quale prese parte insieme con il padre della sua fidanzata, in cui rimase ucciso un poliziotto (di nome Daniel Enchautegui) e lui fu ferito da due colpi di pistola sparati dal poliziotto. Ha tentato il suicidio in carcere iniettandosi una dose di eroina potenzialmente letale, salvandosi solo grazie all'intervento dei medici del carcere[senza fonte]. È stato assolto dall'accusa di omicidio il 23 dicembre 2008,[1] ma il 9 gennaio 2009 è stato condannato a dieci anni di prigione per il suo ruolo nella rapina, di cui tre già scontati. Venne rilasciato nel dicembre 2013, dopo quasi 9 anni di prigione.

Dopo essere uscito di prigione, dichiarò che avrebbe voluto tornare a fare l'attore, e che gli sarebbe piaciuto rilavorare con Chazz Palminteri (che fu anch'egli nel film Bronx) e De Niro, per dimostrare loro che non era più la stessa persona che nel 2005 venne arrestata. Tuttavia Palminteri replicò a Brancato che non era interessato a lavorare con lui e definì criminale il modo in cui Lillo abbia sprecato il proprio talento.[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22350782 · LCCN: (ENno99065564 · ISNI: (EN0000 0001 1022 5738 · GND: (DE131688553 · BNF: (FRcb141586444 (data)