Leopoldo Luigi d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leopoldo Luigi d'Asburgo-Lorena
Leopold Ludwig Austria 1823 1898.jpg
L'Arciduca Leopoldo Luigi d'Asburgo-Lorena in una fotografia del 1850 circa
6 giugno 1823 – 24 maggio 1898
Nato aMilano
Morto aHernstein
Dati militari
Paese servitoAustria-Ungheria Impero austro-ungarico
Forza armataImperial regio Esercito austro-ungarico
k.u.k. Kriegsmarine
ArmaCavalleria
Anni di servizio? - 1898
GradoFeldmarschalleutnant
Viceammiraglio
voci di militari presenti su Wikipedia

Leopoldo Luigi d'Asburgo-Lorena (Milano, 6 giugno 1823Hörnstein, 24 maggio 1898) è stato un generale e ammiraglio austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo Luigi Maria Francesco Giulio Eustorgio Gerardo d'Asburgo Lorena era il figlio maschio primogenito dell'arciduca Ranieri Giuseppe d'Asburgo-Lorena (1783-1853) e della principessa Maria Elisabetta di Savoia-Carignano (1800-1856) nonché nipote dell'Imperatore Leopoldo II. Egli nacque a Milano nel 1823 dove suo padre era di servizio come Viceré del Regno Lombardo-Veneto da poco costituito. Il fratello minore di Leopoldo Luigi, l'arciduca Ranieri Ferdinando (1827-1913), prestò servizio come primo ministro austriaco dal 1859 al 1861. Leopoldo seguì il padre nella carriera militare ottenendo il grado di Feldmarschall-leutnant (luogotenente generale) nell'esercito austriaco e nel 1867 ottenne il grado di generale di cavalleria. Divenen quindi proprietario del 53º reggimento di fanteria e del reggimento di lancieri russo-ucraini n. 13 nonché del 6º reggimento prussiano di fanteria. Durante la rivoluzione in Italia, Leopoldo risultò fondamentale per la cattura di Forte Marghera. Nell'ambito della ricerca finalizzata al miglioramento delle tecnologie militari, Leopoldo si dedicò a studi migliorativi per i guastatori, formando un moderno corpo di genieri, completamente rinnovato.

Quando l'arciduca Massimiliano d'Austria accettò la corona dell'Impero del Messico nel marzo del 1864, l'Imperatore Francesco Giuseppe inviò Leopoldo al Castello di Miramare a Trieste per consegnare a Massimiliano il suo atto di rinuncia alle pretese sul trono austriaco. Tra i due cugini, ad ogni modo, non correva buon sangue e in particolare Massimiliano vedeva Leopoldo come uno dei possibili beneficiari di una sua rinuncia al trono ed è per questo che si rifiutò categoricamente di controfirmare l'atto sino alla visita di Francesco Giuseppe a Miramare, il 9 aprile 1864.[1]

Indubbiamente l'irritazione di Massimiliano crebbe ulteriormente quando Leopoldo venne nominato dal 1865 -25.febbraio 1868 ispettore generale delle truppi navali e la flotta col grado di Vice Ammiraglio nell'aprile del 1864.[2][3]

Dopo un ictus nel 1868 Leopoldo si ritirò a vita privata. La sua proprietà del castello di Hernstein nel 1880 venne completamente rinnovata e rimodellata storicamente con un progetto affidato all'architetto Theophil von Hansen il quale la trasformò in una splendida residenza di caccia. Altri problemi di salute costrinsero poi l'arciduca a trascorrere gli ultimi anni della sua vita su una sedia a rotelle. Morì celibe e senza figli a Hörnstein il 24 maggio 1898 e fu sepolto in una tomba della Cripta Imperiale di Vienna.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
Senatore di Cran Croce con Collana S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio (Parma) - nastrino per uniforme ordinaria Senatore di Cran Croce con Collana S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio (Parma)
«Concessione 1846»

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo Luigi d'Asburgo-Lorena Padre:
Ranieri Giuseppe d'Asburgo-Lorena
Nonno paterno:
Francesco I di Lorena
Bisnonno paterno:
Francesco I di Lorena
Trisnonno paterno:
Leopoldo di Lorena
Trisnonna paterna:
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Bisnonna paterna:
Maria Teresa d'Austria
Trisnonno paterno:
Carlo VI d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonna paterna:
Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Bisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Trisnonno paterno:
Filippo V di Spagna
Trisnonna paterna:
Elisabetta Farnese
Bisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Trisnonno paterno:
Augusto III di Polonia
Trisnonna paterna:
Maria Giuseppa d'Austria
Madre:
Maria Elisabetta di Savoia-Carignano
Nonno materno:
Carlo Emanuele di Savoia-Carignano
Bisnonno materno:
Vittorio Amedeo II di Savoia-Carignano
Trisnonno materno:
Luigi Vittorio di Savoia-Carignano
Trisnonna materna:
Cristina Enrichetta d'Assia-Rheinfels-Rotenburg
Bisnonna materna:
Giuseppina Teresa di Lorena-Armagnac
Trisnonno materno:
Luigi di Lorena, principe di Brionne
Trisnonna materna:
Louise Julie Constance de Rohan
Nonna materna:
Maria Cristina di Sassonia
Bisnonno materno:
Carlo di Sassonia, duca di Curlandia
Trisnonno materno:
Augusto III di Polonia
Trisnonna materna:
Maria Giuseppa d'Austria
Bisnonna materna:
Franciszka Corvin-Krasińska
Trisnonno materno:
Stanislao Corvin-Krasinski
Trisnonna materna:
Anna Humiecka

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Joan Haslip, The Crown of Mexico, pp. 218, 221, 223-226. New York: Holt, Rinehart and Winston, 1971.
  2. ^ Amtliche Tageszeitung Wiener Zeitung, Nr. 55, Wien, 4. März 1868, S. 1
  3. ^ Genealogisches Taschenbuch 1866. Verlag Justus Perthes, Gotha, S. 716 Marinetruppen und Flotteninspektor.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Constantin von Wurzbach: Habsburg, Leopold. In: Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oesterreich. Band 6, Verlag L. C. Zamarski, Wien 1860, S. 444.
  • Oscar Criste: Leopold, Erzherzog von Oesterreich. In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Band 51, Duncker & Humblot, Leipzig 1906, S. 655–657.
  • Egger: Leopold, Erzhg. von Österr. (1823-1898), Feldmarschalleutnant. In: Österreichisches Biographisches Lexikon 1815–1950 (ÖBL). Band 5. Verlag der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, Wien 1972, S. 145 f.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80957270 · ISNI (EN0000 0000 5706 855X · GND (DE136648347 · CERL cnp01156648