Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lee Jun-ki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lee Jun Ki)
Lee Jun-ki
Fotografia di Lee Jun-ki
Nazionalità Corea del Sud Corea del Sud
Genere K-pop
Periodo di attività 2006 – in attività
Etichetta Mentor Entertainment
Sito web

Lee Jun-ki[1] (hangeul: 이준기, hanja: 李準基; Busan, 17 aprile 1982) è un cantante e attore sudcoreano. Ha raggiunto la popolarità nel ruolo di Gong-gil nel film Wang-ui namja. Nel 2008 e nel 2009, Lee Jun-ki è stato nominato ambasciatore per il turismo in Corea.[2][3]

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato recitazione presso la Seoul Institute of the Arts[4], Lee Jun-ki ottiene il suo primo ruolo importante nel film Wang-ui namja dove interpreta il tuolo di un giovane effeminato del tardo quindicesimo secolo, costretto ad essere l'amante del re Yeonsangun di Joseon. Inaspettatamente il film è diventato il maggior successo cinematografico della storia in Corea del Sud, con oltre dodici milioni di spettatori.[5] In seguito al successo del film, Lee Jun-ki è stato considerato una icona dell'estetica maschile coreana.[6]

Grande attenzione mediatica, ma minor successo ottengono i lavori seguenti dell'attore: la serie televisiva My Girl ed il film Fly Daddy.[7] Nel 2007 Lee Jun-ki recita nella produzione nippo-coreana Hatsuyuki no koi - Virgin Snow al fianco di Aoi Miyazaki[8], che ottiene notevole successo in entrambi i paesi[9] e nella serie televisiva Gae-wa neukdae-ui sigan, che viene nominato da un sondaggio condotto da Yahoo! come miglior serie drammatica.[10] Nello stesso sondaggio Lee Jun-ki viene anche nominato come miglior attore.[10] Nel corso dell'anno, parteciperà anche al film Hwaryeohan hyuga, che racconta un evento storico del 1980 noto come massacro di Gwangju, che ottiene oltre sei milioni di spettatori.[11]

Da aprile a luglio del 2008, Lee ha participato alla realizzazione della serie televisiva Iljimae, nel quale interpreta il ruolo di un personaggio "alla Robin Hood", durante l'era chosun[12], che è diventato uno dei maggiori successi dell'anno televisivo coreano.[12] La serie in seguito è stata trasmessa anche in Giappone da TV Tokyo.[12] Nel 2009, Lee Jun-ki interpreta il ruolo del protagonista nella serie televisiva Hero, trasmessa da MBC.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Lee" è il cognome.
  2. ^ (KO) 이준기 "'일지매' 통해 욕심이 많이 생겼다", Newsen, 11 agosto 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  3. ^ Rahn Kim, Lee Becomes Tourism Ambassador in Korea Times, 5 agosto 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  4. ^ (KO) Lee Hyo Lee arranged a blind date with Lee Jun-ki and Boa in Chosun, 30 aprile 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.
  5. ^ (KO) 왕의 남자 (The King and the Clown). URL consultato il 16 novembre 2009.
  6. ^ Sun Jung, The Shared Imagination of Bishōnen, Pan-East Asian Soft Masculinity in Intersections: Gender and Sexuality in Asia and the Pacific, nº 20, Australian National University, aprile 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.
  7. ^ Chinese Netizens: KBS among Top 10 Firms, KBS Global, 26 settembre 2006. URL consultato il 16 novembre 2009.
  8. ^ Lee Jun-ki Appears in Korea-Japan Joint Film in KBS Global, 22 settembre 2006. URL consultato il 16 novembre 2009.
  9. ^ Lee Jun-ki’s Film Places 9th at the Japanese Box Office in KBS Global, 17 maggio 2007. URL consultato il 16 novembre 2009.
  10. ^ a b (KO) Lee Jun Ki has the honor of being the best actor/actress among the South Korean and Japanese Netizens, 13 ottobre 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  11. ^ Hyo-won Lee, Hawaii Film Fest to Spotlight Lee Jun-ki in Korea Times, 4 settembre 2007. URL consultato il 16 novembre 2009.
  12. ^ a b c Kim Hyung-eun, Pretty boy Lee shows off his introspective side, 10 luglio 2009. URL consultato il 16 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN262944572 · LCCN: (ENno2014055926 · GND: (DE1025994000