La donna è un male necessario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La donna è un male necessario
Titolo originaleI Am a Camera
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1955
Durata99 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaHenry Cornelius
Soggettodal romanzo Berlin Stories Christopher Isherwood e dal lavoro teatrale I Am a Camera di John Van Druten
SceneggiaturaJohn Collier
ProduttoreJack Clayton
Casa di produzioneRomulus
FotografiaGuy Green
MontaggioClive Donner
MusicheMalcom Arnold
ScenografiaWilliam Kellner
TruccoIda Mills
Interpreti e personaggi

La donna è un male necessario (I Am a Camera) è un film del 1955 diretto da Henry Cornelius, liberamente tratto dal romanzo Addio a Berlino di Christopher Isherwood.

Il titolo italiano del film ricalca un antico aforisma di Aulo Gellio (Notti attiche).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Berlino anni trenta, Christopher è un giovane giornalista emigrato in Germania che per mantenersi dà lezioni di lingua. Sally è una ragazza esuberante rimasta senza un soldo dopo essere stata truffata. Dopo il loro incontro Christopher le offre di ospitarla e lei accetta senza pensarci due volte.

Qualche tempo dopo incontrano Clive, un miliardario americano che fa conoscere loro la bella vita, quando però Sally crede di aspettare un bambino da lui è a Christopher che si rivolge, il quale le presta ancora aiuto offrendosi di sposarla.

I timori della ragazza però sono infondati e rompe la promessa di matrimonio spingendo l'amico ad accettare un posto di lavoro in America, quanto a lei andrà a Parigi. Passano gli anni e si ritrovano casualmente dal loro comune editore, sono entrambi scrittori, lui ricco e lei povera e Christopher ancora una volta la prenderà con sé.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema