La congiura dei Boiardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da La congiura dei boiardi)
La congiura dei Boiardi
La congiura dei bоiardi.png
Una scena del film
Titolo originale Ivan Groznyj II: Bojarskij zagovor
Paese di produzione Unione Sovietica
Anno 1958
Durata 86 min
Dati tecnici B/N e a colori
rapporto: 4:3
Genere drammatico, biografico
Regia Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Soggetto Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Sceneggiatura Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Produttore Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Fotografia Eduard Tisse
Andrei Moskvin
Montaggio Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Musiche Sergej Sergeevič Prokof'ev
Scenografia Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La congiura dei Boiardi (Ivan Groznyj II: Bojarskij zagovor) è un film di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn realizzato nel 1946 ma distribuito dal 1958.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lo zar Ivan IV si ritira dopo la sua lotta per il potere in un tranquillo convento di provincia a meditare. Ma presto è costretto a riprendere il governo del trono della Russia perché la classe dei Boiardi, capeggiata dalla zia, ordisce una ribellione che potrebbe gravemente compromettere i progetti dello zar.

Ivan viene appena in tempo a conoscenza dei piani dei ribelli e ottiene i nominativi dei congiurati tra i quali suo nipote che fa condannare. Dopo l'esecuzione di quest'ultimo per Ivan comincia un periodo di solitudine e riflessione, colmo dei tristi e lontani ricordi in cui egli sognava la rivoluzione sanguinaria e l'ambizione di conquistare la Russia e l'Occidente.

Il progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto originale prevedeva tre film sulla vita di Ivan IV di Russia, il primo film venne realizzato e distribuito, questo è il secondo che venne girato ma bloccato dalle autorità e distribuito solo nel 1958 (dopo la morte del regista), il terzo film non venne mai completato e ne vennero girate solo poche sequenze.
Questo film inoltre rispetto al primo è ricco di una lunga sequenza a colori che mostra la conquista del tesoro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]