Kymi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fiume finlandese, vedi Kymi (fiume).
Kymi
frazione
Κύμη
Porto di Kymi
Porto di Kymi
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Grecia Centrale
Unità periferica Eubea
Comune Kymi-Aliveri
Territorio
Coordinate 38°38′N 24°06′E / 38.633333°N 24.1°E38.633333; 24.1 (Kymi)Coordinate: 38°38′N 24°06′E / 38.633333°N 24.1°E38.633333; 24.1 (Kymi)
Superficie 167,6 km²
Abitanti 8 772 (2001)
Densità 52,34 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Kymi
Kymi
Kymi – Mappa

Kymi (in greco Κύμη), nota come Cuma euboica, è un ex comune della Grecia nella periferia della Grecia Centrale (unità periferica dell'Eubea) con 8.772 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa, detta piano Kallikratis, in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Kymi-Aliveri.

È nota nell'antichità per aver fondato la colonia di Cuma nell'Italia meridionale.

Il Villaggio di Kymi[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Kymi è una bella cittadina pittoresca, che comprende molte case patrizie di pietra scolpita. Il villaggio si trova sulla cima della scogliera, che gli è valso il soprannome di 'balcone Egeo'. Ci sono diversi ristoranti, bar, alberghi, supermercati, banche, un ufficio postale e un cinema all'aperto. La sua popolazione del villaggio è di oltre 3.000 abitanti. Aumenta in estate grazie alle molte persone di ritorno da grandi città come Atene o Salonicco.

Il Porto di Kymi[modifica | modifica wikitesto]

Il porto sul Mar Egeo, è ora utilizzato principalmente per i collegamenti tra la terraferma e l'isola di Skyros. In precedenza, era molto attivo, perché la zona ha molte gallerie minerarie di lignite. Nel XIX secolo, la flotta di Kymi è stata uno delle più grandi della Grecia. Al porto si trovano alcuni bar, ristoranti ed alberghi. La strada che collega il villaggio al porto ha 52 curve in 4 chilometri ed ospita una gara automobilistica.

L'ex Comune di Kymi[modifica | modifica wikitesto]

Il comune (dema) comprendeva diversi villaggi circostanti, pittorescamente famosi anche per le loro coltivazioni di ulivi e di alberi di fico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo arcaico (VIII sec. a.C.), Kymi partecipato, con Calcide e Eretria, all'espansione delle colonie sulle sponde del Mediterraneo. Ha dato il suo nome alla città omonime di Kymi nelle Éolie (vicino a Smirne, oggi Edirne, Turchia), e soprattutto di Cuma, nei pressi di Napoli, Italia.

In seguito, la sua importanza è stata eclissata da altre città della Eubea.

Non è chiaro se la città antica era una città nel senso moderno, o era piuttosto una federazione di villaggi, o il nome di una regione ben definita senza capoluogo. Resti risalenti dalla preistoria e all'antichità sono stati scoperti sulla collina di Kastri, sopra il villaggio di Ano Potamia, e quello di Viglatouri, vicino alla città di Oxylithos. Altri siti, con resti visibile del Medioevo, potrebbe corrispondere alla localizzazione dei siti antichi. Ciò è particolarmente il caso di Korakokastro, nei pressi del Monastero della Trasfigurazione, o il sito di Dragonara, nei pressi del villaggio di Vrysi.

Nella seconda metà del XIX secolo e la prima metà del XX la regione di Kymi era un importante centro minerario della lignite, utilizzato come carburante per la Marina Militare.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1981 un museo etnografico presenta i costumi dell'isola e la storia della città. Il viaggiatore può visitare le chiese di Panagia Liaoutsanissa, con il suo pulpito di marmo e le icone, ed i monasteri di Metamorphosis (Trasfigurazione) del Salvatore, sul Capo di Kymi e Mantzari vicino Oxylithos. La regione è ricca di piccole chiese, a volte molto antiche, di epoca bizantina.

Personaggi famosi[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 2 maggio 2011.
  3. ^ Comune di Bacoli Gemellaggio con Kymi
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia