Kersti Kaljulaid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kersti Kaljulaid
Ināra Mūrniece tiekas ar Igaunijas prezidenti (croped).jpg

Presidente della Repubblica dell'Estonia
In carica
Inizio mandato 10 ottobre 2016
Capo del governo Taavi Rõivas
Jüri Ratas
Predecessore Toomas Hendrik Ilves

Dati generali
Partito politico Unione della Patria (2001-2004)

Indipendente (2004-...)

Kersti Kaljulaid (Tartu, 30 dicembre 1969) è una politica estone, presidente della Repubblica dell'Estonia dall'ottobre 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomata nel 1987 presso la scuola secondaria n. 44 di Tallinn[1], durante gli studi superiori è stata membro dell'associazione scientifica studentesca. Nel 1992, si laureò in biologia preso l'Università di Tartu[2]. Nel 2001 ottenne un Master in business administration[3] presso l'università di Tartu con una tesi in inglese intitolata "The improvement of the management system of state-founded foundations"[4].

Dal 1996 al 1997 è stata direttore vendite presso la società statale Eesti Telefon e dal 1997 al 1998 project manager della Hoiupanga Investeeringute AS. Dal 1998 al 1999 ha lavorato presso la divisione investment banking della Hansabank[4] Dal 1999 al 2002 è stata consigliere economico del Primo ministro estone Mart Laar[2]. Dal 2002 al 2004 è stata direttore della Iru Power Plant che fa parte dell'azienda energetica statale estone Eesti Energia.[4] È stata la prima donna a dirigere una centrale elettrica in Estonia[5].

Nel 2004, quando l'Estonia entrò nell'Unione Europea fu nominata rappresentate estone presso la Corte dei conti europea[5]. Dal 2011, Kersti Kaljulaid è il presidente del consiglio di amministrazione dell'Università di Tartu[2].

Durante le elezioni presidenziali estoni del 2016, dopo tre votazioni parlamentari e due consultazioni elettorali tramite un collegio composto da parlamentari e esponenti degli enti locali estoni nessuno dei candidati riuscì a raggiungere la maggioranza richiesta, il voto tornò quindi al Riigikogu. Un gruppo di parlamentari tra i quali il presidente, il vicepresidente e i rappresentati di tutti i partiti dei partiti chiesero a Kersti Kaljulaid di presentarsi come candidata. La candidatura divenne ufficiale il 30 settembre. Il 3 ottobre 2016[6] venne eletta con 81 voti a favore, 17 astenuti e nessun voto contrario, l'unico partito che dichiarò pubblicamente che non avrebbe appoggiato la sua candidatura è stato il Partito Popolare Conservatore Estone con soli 7 voti in parlamento.

È la prima capo di stato donna dell'Estonia da quando il paese ha dichiarato l'indipendenza nel 1918, nonché la più giovane persona ad accedere all'ufficio, a 46 anni.

Kersi Kaljulaid è sposata e ha quattro figli[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze estoni[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Collare dell'Ordine dello Stemma Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Collare dell'Ordine dello Stemma Nazionale
— 10 ottobre 2016[7]
Gran Maestro dell'Ordine della Croce della Terra Mariana - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce della Terra Mariana
Gran Maestro dell'Ordine della Stella Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Stella Bianca
Gran Maestro dell'Ordine della Croce dell'Aquila - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce dell'Aquila
Gran Maestro dell'Ordine della Croce Rossa Estone - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce Rossa Estone

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 7 marzo 2017[8][9]
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 5 giugno 2018[10]
Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine delle Tre stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce con collare dell'Ordine delle Tre stelle (Lettonia)
— 8 aprile 2019[11]
Dama di gran croce dell'ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 12 giugno 2018
Gran Collare dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo)
— 16 aprile 2019[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25147095010725080220 · LCCN (ENno2019043680 · GND (DE1110798261