Keiichi Hara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Keiichi Hara nel 2011 al Salón del Manga di Barcellona

Keiichi Hara (原 恵 Hara Keiichi?; Tatebayashi, 24 luglio 1959) è un regista e sceneggiatore giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hara viene assunto dalla Shin-Ei Animation nel 1982, su raccomandazione dell'allora presidente Keijiro Kurokawa, dopo aver lavorato per 18 mesi in un piccolo studio.

Alla Shin-Ei ha iniziato a lavorare alla serie TV anime Kaibutsu-kun, come responsabile di produzione, in seguito è stato trasferito a Doraemon, dove ha assunto per la prima volta il ruolo di direttore dell'animazione. Lavorando a Doraemon è stato influenzato dal capo regista Tsutomu Shibayama. Poiché Hara ammirava Fujiko Fujio, l'autore originale di Doraemon[1], lavorò sodo e divenne famoso per il miglioramento della qualità, apparendo in una rivista di animazione[non chiaro] come "nuovo regista da tenere d'occhio". 

Dopo Obake no Q Taro e Doraemon, è stato scelto come regista capo per Esper Mami e ha lavorato per questo anime per due anni e mezzo. In seguito ha lavorato su 21 emon e su Crayon Shin-chan. Per "Shin-chan" ha curato la regia sia per le serie anime che per i film, diventando regista nell'ottobre 1996. Il film del 2001 Crayon Shin-chan - Arashi o yobu - Mōretsu! Otona teikoku no gyakushū ha ottenuto il plauso della critica. L'anno successivo Crayon Shin-chan: The Storm Called: The Battle of the Warring States è stato elogiato dall'Agenzia per gli affari culturali giapponese.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'onore con nastro viola, 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN264054267 · ISNI (EN0000 0003 8200 3282 · LCCN (ENno2017133644 · GND (DE1119749557 · BNF (FRcb161064012 (data) · NDL (ENJA01005093 · WorldCat Identities (ENlccn-no2017133644