Karel Husa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karel Husa (Praga, 7 agosto 1921) è un compositore e direttore d'orchestra ceco naturalizzato statunitense. Vincitore del Premio Pulitzer nel 1969 e del Grawemeyer Award nel 1993; si trasferì nel 1954 negli Stati Uniti ottenendo al cittadinanza americana nel 1959.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iniziò sin da piccolo lo studio del violino e del pianoforte, entrando, poi, nel Conservatorio di Praga nel 1941[1] dove studiò composizione con Jaroslav Řídký e direzione d'orchestra con Metod Doležil e Pavel Dědeček. Alla fine della Seconda guerra mondiale, fu ammesso all'accademia di Praga dove studiò sempre con Jaroslav Řídký. Laureatosi nel 1947, decide di continuare i suoi studi a Parigi, sotto la guida di Arthur Honegger, Nadia Boulanger e André Cluytens (oltre che con Jean Fournet e Eugène Bigot).[2][3] Finiti i suoi studi di direzione al Conservatoire de Paris,[2][3] incominciò la sua carriera come direttore proprio nella capitale francese, diventando in breve tempo al centro della scena musicale parigina,[2] non perdendo mai, tuttavia, il suo interesse per la composizione che continuò a coltivare. Il suo primo Quartetto d'archi (1948), portò il compositore all'attenzione della scena internazionale ricevendo il Lili Boulanger Award nel 1950.[3] Da allora fu molto eseguito anche in altri festival (a Bruxelles e a Salisburgo nel 1950, a Darmstadt nel 1951) e in altre occasioni in tutto il mondo (Paesi Bassi, Francia, Svezia, Regno Unito, Svizzera, Australia, Stati Uniti). Altre sue opere abbastanza conosciute, composte durante il periodo parigino sono: Divertimento per Orchestra d'archi, Concertino per Pianoforte e Orchestra, Évocations de Slovaquie, Musique d'amateurs, Portrait per Orchestra d'archi, Sinfonia n°1, Sonata per Pianoforte n°1 e Quartetto per archi n°2. Trasferitosi negli Stati Uniti, su invito del musicologo Donald Grout,[1] dal 1954 al 1992 è professore al Cornell University,[2][3] continuando comunque la sua carriera di compositore ormai affermato, scrivendo opere quali Music for Prague 1968, probabilmente la sua composizione più conosciuta, dedicata alla cosiddetta primavera di Praga.[3] Gli fu assegnato il Premio Pulitzer nel 1969 per il Quartetto d'archi n°3[1][2][3] e il Grawemeyer Award nel 1993 per il Concerto per Violoncello e Orchestra.[2][3] Ricordato, anche per aver diretto la prima europea, nel 1953, de Il mandarino miracoloso di Béla Bartók.[1][2] Attualmente, abita a Apex nella Carolina del Nord.

Opere[modifica | modifica sorgente]

« Un lavoro fervido e luminoso [...] tante cose in questo concerto richiamano l'intensità di Bartok e l'eloquenza mistica di Mahler [...] il suo linguaggio è personale e profondamente

sentito. »

(La rivista Musical America; recensione della première del Concerto for Orchestra, 1987.[4])

Composizioni per orchestra[modifica | modifica sorgente]

  • 1948 Divertimento for String Orchestra
    1. Ouverture
    2. Aria
    3. Finale
  • 1949 Concertino pro klavír a orchestr opus 10
  • 1953 First Symphony
  • 1956–1957 Fantasies for Orchestra
    1. Aria
    2. Capriccio
    3. Nocturne
  • 1961 Mosaïques for Orchestra
  • 1963 Fresque
  • 1971 Two Sonnets by Michelangelo
  • 1978 An American Te Deum for Chorus and Orchestra
  • 1979 Pastoral
  • 1983 Reflections - Symphony No. 2
  • 1984 Symphonic Suite
  • 1986 Concerto for Orchestra
  • 1987 Concerto for Organ and Orchestra
  • 1987 Concerto for Trumpet and Orchestra
  • 1988 Concerto for Violoncello and Orchestra
  • 1993 Concerto for Violin and Orchestra
  • 1996 Celebration Fanfare
  • 1997 Celebración
  • 1990 Overture "Youth"
  • Concerto for Brass-Quintet and String Orchestra
  • Evocations de Slovaquie
  • Elegie et Rondeau for Alto Saxophon and Orchestra
  • Overture for Large Orchestra opus 3
  • Portrait for String Orchestra
  • Serenade for Woodwind Quintet with String Orchestra, Xylophone and Harp

Composizioni per orchestra di fiati[modifica | modifica sorgente]

  • 1955/1964 Festive Ode for chorus and wind band - Testo: Eric Blackall
  • 1958 Divertimento for Brass-Ensemble and Percussion
  • 1967 Concerto for Alto Saxophone and Concert Band
  • 1968 Music for Prague 1968 for Concert Band
    1. Introduction and Fanfare
    2. Aria
    3. Interlude
    4. Toccata and Chorale
  • 1970 Apotheosis of this Earth
    1. Apotheosis
    2. Tragedy of Destruction
    3. Postscript
  • 1970–1971 Concerto for Percussion and Wind Ensemble
  • 1973 Concerto for Trumpet and Wind Orchestra
  • 1973 Al Fresco for Concert Band
  • 1974/1995 Divertimento for Symphonic Winds and Percussion
  • 1976 An American Te Deum for Chorus and Band Testi: Henry David Thoreau, Ole Rølvaag, Otokar Brezina, attingendo anche da fonti popolari e religiose.
  • 1980 Intradas and Interludes for 7 trumpets and percussion
  • 1981 Fanfare for ensemble of brass and percussion
  • 1982 Concerto for (Large) Wind Ensemble (1982)
  • 1984 Concertino for Piano and Wind Ensemble
  • 1984 Smetana Fanfare for Wind Ensemble
  • 1996 Midwest Celebration (Fanfare) for Three Choirs of Brass and Percussion
  • 1997 Les Couleurs Fauves

Balletti[modifica | modifica sorgente]

  • 1974 The Steadfast Tin Soldier Ballet, da una favola di Hans Christian Andersen
  • 1976 Monodrama Ballet
  • 1980 The Trojan Women Ballet

Composizioni per organo[modifica | modifica sorgente]

  • 1987 Frammenti

Composizioni per pianoforte[modifica | modifica sorgente]

  • 1943 Sonatina opus 1
  • 1975 Sonata No. 2
  • 1984 Variations for piano quartet

Musica corale[modifica | modifica sorgente]

  • 1976 There Are From Time To Time Mornings for baritone voice and mixed chorus a cappella
  • 1981 Every Day for mixed chorus a cappella
  • 1981 Three Moravian Songs for mixed chorus a cappella
  • 2000 Song (Good Night) for a cappella SATB chorus

Opere varie[modifica | modifica sorgente]

  • 1945 Suite opus 5, for viola and piano
  • 1945 Sonatina opus 6, for violin and piano (o anche per flauto e pianoforte)
  • 1956 Twelve Moravian Songs for voice and piano
  • 1958 Divertimento for ensemble of brass and percussion
  • 1960 Poem for Viola and Chamber Orchestra, Oboe, Horn and Piano
  • 1968 String Quartet No. 3
  • 1973 Sonata for violin and piano
  • 1974 Divertimento for brass quintet, with optional percussion
  • 1976 Drum Ceremony for 5 percussion
  • 1977 Landscapes for brass quintet
  • 1979 Three Dance Sketches for percussion
  • 1981 Sonata à tre for clarinet, violin, and piano
  • 1982 Recollections for wind quintet and piano
  • 1983 Cantata for male chorus and brass quintet - Testi: Edwin A. Robinson, Emily Dickinson, Walt Whitman
  • 1990 String Quartet No. 4 ("Poems")
  • 1992 Cayuga Lake (Memories)
  • 1992 Tubafest Celebration Fanfare for tuba quartet
  • 1994 Five Poems for wind quintet (flute, oboe, clarinet, basson, horn)
  • 1997 Postcard from Home for alto saxophone and piano
  • 2000 Song (Good Night) for a cappella SATB chorus
  • Musique d'amateurs für Oboe, Trompete und Streicher

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e stantonmgt.com. URL consultato il 19 gennaio 2011.
  2. ^ a b c d e f g schirmer.com. URL consultato il 19 gennaio 2011.
  3. ^ a b c d e f g brahms.ircam.fr. URL consultato il 19 gennaio 2011.
  4. ^ citazione. URL consultato il 19 gennaio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 115622231 LCCN: n81022490