KK Null

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
KK Null
Kknullnull.jpg
KK Null a Vienna nell'aprile del 2004
NazionalitàGiappone Giappone
GenereNoise music
Noise rock
Japanoise
Periodo di attività musicale1986 – in attività
EtichettaNux Organization
Sito ufficiale

KK Null, nome d'arte di Kazuyuki Kishino (岸野 一之 Kishino Kazuyuki?) (Tokyo, 13 settembre 1961), è un musicista e compositore giapponese attivo fin dai primi anni '80 nel movimento di matrice post-industriale e sperimentale chiamato Japanoise.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente nato come chitarrista della band di progressive/noise nata nel 1984 e chiamata YBO2, Kishino Kazuyuki utilizzò ben presto una vasta gamma di strumenti: dall'elettronica alla batteria alla voce, dedicandosi anche nel frattempo, alla danza Butō presso Min Tanaka[1].

Ha poi fondato numerosi gruppi musicali, tra cui gli Absolut Null Punkt conosciuti anche con l'acronimo ANP o il suo progetto più conosciuto, gli Zeni Geva[2][3]

Tra le collaborazioni vi sono nomi come John Zorn, Yona-Kit, Steve Albini, Boredoms, Seiichi Yamamoto, Jim O'Rourke, Merzbow, Fred Frith, James Plotkin, Keiji Haino, Otomo Yoshihide, Jon Rose, Damian Catera, Atau Tanaka, Zbigniew Karkowski, Z'EV, Alexei Borisov, Earth, Cris X. Noisegate and Philip Samartzis, aprendo anche i concerti dei Sonic Youth e di Mike Patton.

Nella sua carriera KK Null ha prodotto più di 100 album.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biography, su The official KK NULL website. URL consultato il 25 marzo 2014.
  2. ^ Vladimir Bogdanov, All Music Guide to Electronica: The Definitive Guide to Electronic Music, Backbeat Books, 2001, pp. 313–, ISBN 978-0-87930-628-1. URL consultato il 25 settembre 2013.
  3. ^ Ira A. Robbins, The Trouser Press guide to '90s rock: the all-new fifth edition of The Trouser Press record guide, Simon & Schuster, 7 marzo 1997, p. 842, ISBN 978-0-684-81437-7. URL consultato il 25 settembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24144928648754440611 · ISNI (EN0000 0004 0658 7957 · BNF (FRcb17002695s (data) · WorldCat Identities (EN24144928648754440611