Japanoise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Japanoise
Origini stilistiche Industrial
Musica concreta
Musica sperimentale
Avanguardia
Jazz d'avanguardia
Psichedelia
Origini culturali Giappone, fine anni settanta
Strumenti tipici
Popolarità
Sottogeneri
Harsh noise
Categorie correlate

Gruppi musicali japanoise · Musicisti japanoise · Album japanoise · EP japanoise · Singoli japanoise · Album video japanoise

Il termine Japanoise (ジャパノイズ, Japanoizu) viene creato al di fuori del Giappone dalla crasi delle parole "Japan" (Giappone) e "noise" (Noise music)[1] per classificare sotto un'unica etichetta le diverse forme della scena rumorista e di improvvisazione libera del post-industrial giapponese.

Tale scena, che ebbe origine nei primi anni '80 e si sviluppò per tutti gli anni '90, si distingue per un forte senso di libertà musicale, tale da spingere alcuni artisti a manifestare una certa insofferenza verso la categoria Japanoise stessa, considerata troppo generica e poco rispettosa della varietà di stili adottati dai diversi musicisti.[2] Tra le sue espressioni più note si trovano, per esempio, l'energia eccessiva e l'improvvisazione pura di gruppi come gli Hijōkaidan, la totale demolizione del punk messa in atto dagli Hanatarash o la loro successiva reincarnazione psichedelica nei Boredoms, ma anche l'elettronica da tavolo di Incapacitants e Merzbow. Le pubblicazioni di questi artisti sono spesso prodotte su nastro e in edizioni molto limitate. Gli appartenenti alla scena si prestano spesso ad innumerevoli side-project e collaborazioni con artisti giapponesi e non.

Nick Cain, della rivista The Wire, identifica nel "primato di artisti giapponesi nell'arte del rumore come Merzbow, Hijokaidan e Incapacitants" una delle principali innovazioni nel genere musicale rumorista dal 1990 ad oggi.[3]

Artisti Japanoise[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Novak, Japanoise: Music at the Edge of Circulation, Duke University Press, 2013.
  2. ^ incapa15, su japanoise.net. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  3. ^ Nick Cain, "Noise," The Wire Primers: A Guide to Modern Music, Rob Young, ed., London: Verso, 2009, p. 29.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • V. Vale, Andrea Juno, Manuale di cultura industriale, a cura di Paolo Bandera, Shake Edizioni, 1998, ISBN 88-86926-40-5.
  • Rumore anno 2 n°14 - Noise Japan, Sole, rumore e acciaio - di Luca Valtorta, Vittore Baroni (1993)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]