Joseph Heintz il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joseph Heintz il Giovane (Augusta, 1600 circa – Venezia, 1678) è stato un pittore tedesco.

Allegoria, da Heintz il Giovane. Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trionfo di Cupido, Pinacoteca di Brera, Milano.

L'artista era figlio di Joseph Heintz il Vecchio. Nel 1617 figurava come lavorante presso la bottega di Matthäus Gundelach, il quale era stato allievo del padre, deceduto prematuramente nel 1609. Probabilmente, prima di scendere in Italia, frequentò anche la bottega di Matthias Kager (1621), noto miniatore e già allievo a Venezia di Hans Rottenhammer (Bushart 1968). Nel 1625 il giovane era già attivo in Italia, a Venezia e a Roma, dove eseguì alcuni dipinti "capricciosissimi", dove concerti di mostri, condividono la scena con eroi classici o mitologici.

L'ambientazione recupera schemi diffusi dalle stampe di Hieronymus Bosch e Pieter Bruegel il Vecchio, alcuni mostriciattoli derivano invece da matrici callottiane. Due esempi tipici di questa produzione sono l'Orfeo agli inferi della Galleria degli Uffizi e la Vanitas o il Trionfo di Cupido della Pinacoteca di Brera. (D'Anza 2005)

Nel 1632 si trovava a Venezia come testimonia la pala votiva della chiesa di San Fantino. Dal 1634 al 1639 risulta iscritto alla fraglia dei pittori. Tra il 1648 e il 1649 dipinse l'Ingresso del patriarca Federico Corner a San Pietro di Castello, la Caccia ai tori in campo San Polo e Il fresco in barca (Museo Correr di Venezia). Il 30 novembre 1655 venne chiamato, assieme a Nicolas Régnier, a stimare la collezione di Giovanni Pietro Tiraboschi (Savini Branca 1964). Nel 1663 il conte Czernin, plenipotenziario dell'imperatore Leopoldo I gli commissionò alcune opere.

Ebbe una figlia, Regina, ottima copiatrice dei suoi quadri. Morì a Venezia nel settembre del 1678.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sebastiano Scarpa, Nuovi Strigossi dell'Heintz, in Per l'arte. Da Venezia all'Europa. Studi in onore di Giuseppe Maria Pilo, Venezia 2001.
  • Filippo Pedrocco, Joseph Heintz il giovane, in Gaspare Vanvitelli e le origini del vedutismo, catalogo della mostra di Roma e Venezia, Roma 2002.
  • Daniele D'Anza, Joseph Heintz il giovane "pittore di più pennelli", in "Arte in Friuli Arte a Trieste", 23, 2004.
  • Daniele D'Anza, Appunti sulla produzione festiva di Joseph Heintz il Giovane", in "Arte in Friuli Arte a Trieste", 24, 2005.
  • Daniele D'Anza, Uno stregozzo di Joseph Heintz il Giovane", in "Arte in Friuli Arte a Trieste", 25, 2006.
  • Stefano Zuffi, Ipotesi e misteri da svelare per due feste veneziane, in «Giornale del Popolo» del 18 febbraio 2012, Lugano 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN3146951358815372441 · LCCN: (ENnr2006004149 · ISNI: (EN0000 0000 8364 5867 · GND: (DE122775279 · ULAN: (EN500025676
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie