Jean-Claude Morellet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Claude Morellet
Nazionalità Francia Francia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Categoria Rally raid
Squadra BMW
Palmarès
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Jean-Claude Morellet, meglio conosciuto col nomignolo Fenouil (1946), è un fotografo, giornalista e pilota motociclistico francese, appassionato rally raid, dopo aver partecipato in moto alle prime sette edizioni del Rally Dakar, e successivamente come navigatore, nel 1994 gli fu assegnata la direzione della corsa, che aveva bisogno di riacquistare la credibilità che la sua esperienza di organizzatore poteva dare, avendo ideato ed organizzato il Rally dei Faraoni, già dal 1982[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fotografo e giornalista, motociclista per passione, quando il suo connazionale Thierry Sabine, organizzò, nel 1979, la prima edizione della Parigi-Dakar, Fenouil ne fu affascinato, vi prese parte con la sua BMW privata riuscendo ad ottenere ben tre piazzaimenti nella top ten.[2]

Dopo la morte di Thierry Sabine nel 1986, dal 1987 al 1993 fu il padre Gilbert, dentista di professione, ad assumere l'organizzazione della Parigi-Dakar, organizzazione che nel 1994 affidò proprio a Fenouil. Ma già dall'anno successivo fu un altro ex pilota (vincitore della corsa sia in moto che in auto), Hubert Auriol ad assumerne le redini.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Rally Dakar[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver partecipato alle prime sette edizioni della Dakar come motociclista, ha avuto alcune esperienze come navigatore. Dal 1994 è diventato l'organizzatore del rally raid.[2]

Anno Categoria Pilota Mezzo Pos.
1979 Moto BMW 800 GS Rit.
1980 BMW 800 GS
1981 BMW 800 GS
1982 BMW 980 GS Rit.
1983 BMW 980 GS [3]
1984 Yamaha 600 XT Ténéré 11º
1985 BMW 1000 GS Rit.
1987 Auto Giappone Kenjiro Shinozuka Mitsubishi Pajero [4]
1988 Francia Patrick Zaniroli Range Rover Rit.
1989 Francia Guy Fréquelin Peugeot 205 [5]
1990 Svezia Björn Waldegård Peugeot 205 [6]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Au Sud du Sphinx, 2003
  • Dakar - L'enver du décor, 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Palmarès du sport business francais (PDF), referentiel.nouvelobs.com. URL consultato il 14 novembre 2011.
  2. ^ a b c (FR) DAKAR RETRO 1979-2009 (PDF), dakar.com. URL consultato il 14 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2011).
  3. ^ Vince una tappa
  4. ^ Vincitori di una tappa
  5. ^ Vincitori di due tappa
  6. ^ Vincitori di tre tappe

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]