Jagdstaffel 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jagdstaffel 2
Jasta 2 "Boelcke" (1918).jpg
Piloti della Jasta 2 - 1918
Descrizione generale
Attiva10 agosto 1916 - 11 novembre 1918
NazioneGermania Impero tedesco
ServizioLuftstreitkräfte
Comandanti
Degni di notaOswald Boelcke
Erwin Böhme
Karl Bolle
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Jagdstaffel 2 (in tedesco: Königlich Preußische Jagdstaffel Nr 2, abbreviato in Jasta 2 e conosciuta anche con il nome di Jasta Boelcke) era una squadriglia (staffel) da caccia della componente aerea del Deutsches Heer, l'esercito dell'Impero tedesco, durante la prima guerra mondiale (1914-1918). È stata la seconda squadriglia da caccia con il maggior numero di vittorie aeree della Luftstreitkräfte dopo la Jagdstaffel 11.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Jasta 2 è stata la prima squadriglia creata all'interno della nuova organizzazione dell'aviazione militare tedesca che venne chiamata Deutsche Luftstreitkräfte; questa riorganizzazione venne ispirata dalle esperienze di Boelcke che scrisse le sue teorie e tecniche in documento conosciuto come "Dicta Boelcke" dove, tra l'altro, esprime le sue opinioni sulla creazione di una componente aerea dedicata alla caccia e all'organizzazione di questa componente in squadriglie[1]. Assegnata alla 1ª armata dell'esercito tedesco, il gruppo venne creato con l'intenzione che proprio l'hauptmann Oswald Boelcke sarebbe stato il comandante. La Jagdstaffel 2 è stata costituita il 10 agosto 1916 a Bertincourt. In quel periodo Boelcke era stato inviato nei Balcani per delle ispezioni. Transitando dall'Austria raggiunse la Turchia e al suo ritorno visitò la Bulgaria e il fronte russo. Mentre si stava recando a Kovel per far visita al Kaiser Guglielmo II ricevette un telegramma dal capo dell'aviazione tedesca, Feldflugchef (Capo di Stato Maggiore dell'Aviazione) Oberstleutnant Hermann von der Lieth-Thomsen con la nomina a comandante e con il compito di organizzare la nascente unità da caccia[2]. Gli fu dato il permesso di scegliere i propri piloti per formare la squadriglia e, tra i primi, furono chiamati Manfred von Richthofen, Erwin Böhme e Hans Reimann.

Boelcke prese il comando effettivo il 30 agosto 1916. L'unità si stabilì presso gli edifici lasciati liberi dalla FFA 32 nei pressi di Vélu. I primi aerei, due Fokker D.III e un Albatros D.I, furono consegnati il 1º settembre e il 16 dello steso mese furono aggiunti cinque nuovi Albatros D.I per i piloti e un nuovo Albatros D.II per il comandante[3] che furono subito usati in azione per stabilire la superiorità aerea locale. Proprio il 16 settembre alle ore 13:00 Boelcke e cinque dei suoi piloti decollarono e intercettarono 14 bombardieri britannici pronti a sganciare i loro ordigni sulla stazione ferroviaria di Marcoing. Riuscirono a rompere la formazione britannica e ad abbattere 3 bombardieri, uno dei quali precipitato per opera proprio di Boelcke[4].

Boelcke morì il 28 ottobre 1916 a causa di uno scontro con un pilota della sua squadra, Böhme che sopravvisse. Il suo posto venne preso dall'Oberleutnant Stefan Kirmaier che aveva al suo attivo 10 vittorie aeree confermate. Kirmaier rimase in carica fino al 22 novembre, giorno in cui morì. Una settimana dopo arrivò dalla Jagdstaffel 29 il capitano Franz Walz a prendere il comando della squadriglia. La Jasta 2 venne rinominata "Jasta Boelcke" il 17 dicembre in onore del loro primo comandante.

La 100ª vittoria della squadriglia fu ottenuta nel mese di febbraio del 1917. La Jasta venne trasferita a Eswars il 14 marzo per poi arrivare a Pronville pochi giorni dopo. Nel mese di febbraio 1918 la Jasta 2 entrò a far parte della nuova Jagdgeschwader 3 sotto il comando di Bruno Loerzer. L'Oberleutnant Karl Bolle è stato l'ultimo Staffelführer (comandante) della Jagdstaffel 2, dal settembre del 1918 fino alla fine della guerra. La Jasta è stata smobilitata l'11 novembre 1918.

Alla fine della prima guerra mondiale la Jagdstaffel 2 risultava la seconda squadriglia con il più alto numero di vittorie aeree confermate, con 336 abbattimenti. Almeno 25 piloti sono divenuti assi dell'aviazione tedesca. Di contro, la Jasta 2 perse 31 piloti, 2 furono fatti prigionieri di guerra, 2 piloti morirono in incidenti di volo e 9 furono feriti in azione[5].

Lista dei comandanti della Jagdstaffel 2[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportati i nomi dei piloti che si succedettero al comando della Jagdstaffel 2[5].

Grado Nome Periodo
Hauptmann Oswald Boelcke 27 agosto 1916 - 28 ottobre 1916
Oberleutnant Stefan Kirmaier 30 ottobre 1916 - 22 novembre 1916
Oberleutnant Karl-Heinrich Bodenschatz 22 novembre 1916 - 29 novembre 1916
Hauptmann Franz Walz 29 novembre 1916 - 9 giugno 1917
Oberleutnant Fritz Otto Bernert 9 giugno 1917 - 18 agosto 1917
Leutnant Erwin Böhme 18 agosto 1917 - 29 novembre 1917
Leutnant Eberhard Fr. von Gudenburg 29 novembre 1917 - 13 dicembre 1917
Leutnant Walter von Bülow-Bothkamp 13 dicembre 1917 - 6 gennaio 1918
Leutnant Max Ritter von Müller 6 gennaio 1918 - 9 gennaio 1918
Leutnant Theodor Cammann 9 gennaio 1918 - 26 gennaio 1918
Leutnant Otto Walter Höhne 26 gennaio 1918 - 20 febbraio 1918
Leutnant Karl Bolle 20 febbraio 1918 - 4 settembre 1918
Leutnant Otto Löffler 4 settembre 1918 - 18 settembre 1918
Leutnant Karl Bolle 18 settembre 1918 - 11 novembre 1918

Lista degli assi che hanno prestato servizio nella Jagdstaffel 2[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono elencati i nomi dei piloti che hanno prestato servizio nella Jagdstaffel 2 con il numero di vittorie conseguite durante il servizio nella squadriglia e riportando tra parentesi il numero di vittorie aeree totali conseguite[5].

Asso Vittorie
Paul Bäumer 40 (43)
Karl Bolle 31 (36)
Werner Voss 28 (48)
Erwin Böhme 22 (24)
Oswald Boelcke 21 (40)
Fritz Otto Bernert 17 (27)
Ernst Bormann 16
Manfred von Richthofen 16 (80)
Otto Löffler 15
Max Ritter von Müller 12 (36)
Hermann Frommherz 10 (32)
Alfred Lindenberger 9 (12)
Karl Gallwitz 8 (10)
Stefan Kirmaier 8 (11)
Gerhard Bassenge 7
Richard Plange 7
Otto Walter Höhne 6
Hans Imelmann 6
Erich König 6
Hermann Vallendor 6
Leopold Rudolf Reimann 4 (5)
Adolf Ritter von Tutschek 3 (27)
Dieter Collin 2 (13)
Theodor Cammann 1 (12)
Franz Josef Walz 1 (7)

Lista degli aerei utilizzati della Jagdstaffel 2[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Norman Franks, Jasta Boelcke: The History of Jasta 2, 1916–18, Londra, Grub Street, 2004, ISBN 1-904010-76-8.
  • (EN) Jon Guttman e Harry Dempsey, Pusher Aces of World War I, Osprey Publishing, 2009, ISBN 978-1-84603-417-6.
  • (EN) Greg VanWyngarden e Harry Dempsey, Early German Aces of World War I, Oxford, Osprey Publishing, 2006, ISBN 1-84176-997-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]