Ivan Zajc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Zajc (1875)

Ivan Zajc, (pron: ˈiʋaːn ˈzajts) nato come Giovanni de Zaytz (Fiume, 3 agosto 1832Zagabria, 16 dicembre 1914), è stato un compositore e direttore d'orchestra croato. Nacque quando la sua città natale di Fiume apparteneva ancora all'Impero austro-ungarico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monumento a Zajc in Fiume

Frequentò inizialmente la scuola di musica a Fiume e quindi il conservatorio a Milano (ove fu allievo, tra gli altri, di Alberto Mazzucato). Dopo la morte dei genitori Zajc rientrò nel 1855 nella città natale, ove ottenne un posto di direttore e maestro concertatore, insegnò nel locale Istituto filarmonico di strumenti ad arco e dove scrisse una quantità di composizioni nel ritmo che allora andava per la maggiore. Dopo aver ottenuto un gran successo con la sua opera Amelia ossia Il Bandito, decise, nel 1862, di trasferirsi a Vienna, ove da sempre esisteva una fiorente attività teatrale ed operistica. Qui divenne molto amato per le sue operette Der Junge auf dem Boot (1863) und Die Boasische Hexe (1866).

Egli visse ai tempi del Movimento illirico, che ebbe su di lui grande influenza e gli infuse un ardente patriottismo. Egli non si augurava altro che la riunificazione delle cinque terre croate, che allora stavano sotto la sovranità di altrettanti stati, e la liberazione della Croazia dall'Impero austro-ungarico. Egli rielaborò questi sentimenti nelle sue opere Mislav (1870), Ban Leget (1872), Nikola Šubić Zrinjski (1876) e Lizinka (1878). In particolare l'opera Nikola Šubić Zrinski, celebra l'eroica sconfitta dei croati contro i turchi come una metafora per i loro recenti impulsi nazionalisti nei confronti della Monarchia asburgica. [1]

Inoltre scrisse numerosi oratori ed altre composizioni per voci soliste, per coro, per orchestra e per pianoforte.

Dopo la morte la sua salma venne inumata nel cimitero di Mirogoj a Zagabria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Rockwell, Opera: Zajc's 'Nikola Subic Zrinski', The New York Times, 29 aprile 1986. URL consultato il 3 dicembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Constantin von Wurzbach, Zaytz, Giovanni in: Biographisches Lexikon des Kaiserthums Oesterreich, Band 59, Verlag L. C. Zamarski, Wien 1890, S. 229 f.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]