Isotopi del carbonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Configurazione elettronica del carbonio

Il carbonio (C) ha 15 isotopi conosciuti, dall'8C al 22C, due dei quali (12C e 13C) sono stabili. Solo tre isotopi (12C, 13C e 14C) possono essere trovati in natura, tutti gli altri sono prodotti artificialmente.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Carbonio-8[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-8.

Il carbonio-8 o 8C è un isotopo radioattivo instabile del carbonio avente 6 protoni e 2 neutroni. Decade a Berillio-6 ed ha una brevissima emivita che non ne permette nessun utilizzo pratico.

Carbonio-9[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-9.

Il carbonio-9 o 9C è un isotopo radioattivo instabile del carbonio avente 6 protoni e 3 neutroni. Decade ad Elio-4 in vari modi e non ha utilizzi pratici data la sua breve emivita.

Carbonio-10[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-10.

Il carbonio-10 o 10C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 4 neutroni. Esso decade a Boro-10 e non ha utilizzi pratici data la sua breve emivita.

Carbonio-11[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-11.

Il carbonio-11 o 11C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 5 neutroni. Decade a boro-11 con emissione di un positrone. Il carbonio-11 ha una emivita di circa 20 minuti ed è usato comunemente come radioisotopo per marcare le molecole per l'uso con la tomografia ad emissione di positroni.

Carbonio-12[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio.

Il carbonio-12 o 12C è un isotopo stabile del carbonio. È quello più abbondante in natura (98,98%[1]) e non è radioattivo. Ha 6 protoni e 6 neutroni. Questo isotopo ha una particolare importanza, in quanto l'unità di massa usata come riferimento per calcolare il peso atomico (o massa atomica relativa) di un elemento è proprio la 1/12 parte del peso del 12C.

Carbonio-13[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-13.

Il carbonio-13 o 13C è un isotopo stabile del carbonio. È quello meno abbondante in natura tra gli isotopi stabili del carbonio (1,11%[2]) ed ha 6 protoni e 7 neutroni.

Carbonio-14[modifica | modifica wikitesto]

Catena di decadimento di 14C
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Carbonio-14.

Il carbonio-14 o 14C è un isotopo radioattivo naturale del carbonio avente 6 protoni e 8 neutroni. Ha una emivita molto lunga (5700 anni[3]) e decade per emissione di elettroni ad azoto. Il carbonio-14 è prodotto naturalmente negli strati alti della troposfera e nella stratosfera ed è presente nei composti organici secondo un preciso rapporto (abbondanza isotopica).[4] Viene utilizzato nella radiodatazione di documenti antichi o ossa di animali e ominidi o piante.

Carbonio-15[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-15 o 15C è un isotopo radioattivo (radionuclide, attività specifica: 1,136 × 1010 TBq/g[5]) del carbonio avente 6 protoni e 9 neutroni. La tendenza è che un neutrone divenga un protone, con emissione di un positrone:

15C → e+ + 15N + 9.772 MeV[5]

Il carbonio-15 ha una emivita molto breve (2.450 s[5]) e non ha utilizzi pratici.

Carbonio-16[modifica | modifica wikitesto]

Catene di decadimento del 16C

Il carbonio-16 o 16C è un isotopo radioattivo (radionuclide, attività specifica: 3,48 × 1010 TBq/g[6]) del carbonio avente 6 protoni e 10 neutroni. La tendenza dell'isotopo è di cedere o trasformare neutroni, che sono in eccesso rispetto ai protoni, infatti il decadimento principale (97.9%) è con emissione di un neutrone e trasformazione di un altro in protone (con emissione di un positrone):

16C → n + e+ + 15N + 5.52137 MeV[6]

Nel 2% dei casi, il neutrone singolo non viene emesso, così il carbonio-16 decade ad azoto-16 con semplice emissione di un positrone. Tuttavia l'azoto-16 è radioattivo ed instabile e decade a sua volta ad ossigeno-16 (<100%) o a carbonio-12 (1 × 10-5 %):

16C → e+ + 16Ne+ + 16O
16C → 16O + 2e+ (reazione complessiva)
16C → e+ + 16Ne+ + α + 12C
16C → 12C + 2e+ + α (reazione complessiva)

L'emivita brevissima del carbonio-16 (747 millisecondi) non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-17[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-17 o 17C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 11 neutroni. Decade ad azoto con emissione di un elettrone e talvolta anche di un neutrone. Il carbonio-17 ha una breve emivita che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-18[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-18 o 18C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 12 neutroni. Decade ad azoto con emissione di un elettrone e talvolta anche di un neutrone. Il carbonio-18 ha una breve emivita che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-19[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-19 o 19C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 13 neutroni. Decade ad azoto con emissione di un elettrone e di neutroni. Il carbonio-19 ha una breve emivita che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-20[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-20 o 20C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 14 neutroni. Decade ad azoto con emissione di un elettrone e di un neutrone. Il carbonio-20 ha una breve emivita che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-21[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-21 o 21C è un isotopo radioattivo del carbonio avente 6 protoni e 15 neutroni. Decade a 20C con emissione di un neutrone. Il carbonio-21 ha una brevissima emivita che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Carbonio-22[modifica | modifica wikitesto]

Il carbonio-22 o 22C è un isotopo radioattivo, finora il più pesante scoperto, del carbonio avente 6 protoni e 16 neutroni. Decade ad azoto con emissione di un elettrone e di un neutroni. Il carbonio-22 ha una emivita molto breve che non ne permette alcun utilizzo pratico.

Tabella degli isotopi[modifica | modifica wikitesto]

Massa atomica standard: 12,0107(8) u

Simbolo Z N Massa isotopica (u)[n 1] Emivita[n 1] Spin nucleare Tipo di
decadimento
Prodotto
di decadimento
Abbondanza
isotopica
8C 6 2 8.037675(25) 2.0(4) × 10−21 s 0 2p 6Be
9C 6 3 9.0310367(23) 126.5(9) ms +3/2 β+ (60%) 9B
β+, p (23%) 8Be
β+, α (17%) 5Li
10C 6 4 10.0168532(4) 19.290(12) s 0 β+ 10B
11C 6 5 11.0114336(10) 20.334(24) min -3/2 β+ 11B
12C 6 6 12 esatto[n 2] STABILE 0 98,93(8)%
13C[n 3] 6 7 13.0033548378(10) STABILE -1/2 1.07(8)%
14C[n 4] 6 8 14.003241989(4) 5.70(3) × 103 anni 0 β- 14N < 10−12%
15C 6 9 15.0105993(9) 2.449(5) s +1/2 β- 15N
16C 6 10 16.014701(4) 0.747(8) s 0 β-, n (97.9%) 15N
β- (2.1%) 16N
17C 6 11 17.022586(19) 193(5) ms +3/2 β- (71.59%) 17N
β-, n (28.41%) 16N
18C 6 12 18.02676(3) 92(2) ms +3/2 β- (68.5%) 18N
β-, n (31.5%) 17N
19C 6 13 19.03481(11) 46.2(23) ms +1/2 β-, n (47.0%) 18N
β- (46.0%) 19N
β-, 2n (7.0%) 17N
20C 6 14 20.04032(26) 16(3) ms 0 β-, n (72.0%) 19N
β- (28,0%) 20N
21C 6 15 21.04934(54) <30 ns +1/2 n 20C
22C 6 16 22.05720(97) 6.2(13) ms 0 β- 22N -
  1. ^ a b Tra parentesi è indicata l'incertezza sulle ultime cifre, che denota una deviazione standard.
  2. ^ L'unità di massa atomica è definita come 1/12 della massa di un atomo di 12C allo stato fondamentale
  3. ^ Il rapporto tra 12C e 13C è usato come misura della produttività biologica dei tempi antichi e per analizzare tipi diversi di fotosintesi.
  4. ^ Trova un uso importante nella Datazione radiometrica

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia