Isola Baranof

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola Baranof
Baranof Island
MistyFjordsWaterfall.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 57°00′N 135°00′W / 57°N 135°W57; -135Coordinate: 57°00′N 135°00′W / 57°N 135°W57; -135
Arcipelago Arcipelago Alexander
Superficie 4.064 km²
Geografia politica
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Alaska Alaska
Centro principale Sitka
Demografia
Abitanti 8.532 (2000)
Densità 2,05 ab./km²
Cartografia
NWCoast1a.png
Mappa di localizzazione: Alaska
Isola Baranof

[senza fonte]

voci di isole degli Stati Uniti d'America presenti su Wikipedia

L'isola Baranof (in inglese Baranof Island), a volte denominata Baranov Island oppure Sitka Island, è un'isola nella parte nord dell'arcipelago Alexander nel manico di padella dell'Alaska. La popolazione nativa dell'isola, il clan dei tlinglit la chiama Sheet’-ká X'áat'l (familiarmente Shee in breve). Scolasticamente viene ricordata come una delle isole ABC dell'Alaska. isola

Geografia[modifica | modifica sorgente]

A nord di Baranof si trova lo stretto Cross Sound, che lo separa dalla più vicina e settentrionale isola Chichagof. L'isola Baranof ha un'estensione di 4.064 Km quadri, (1.607 M quadre), cosa che la rende la 137ª isola più grande del mondo, e misura 160 km e 48 km nei punti più lungo e più largo. Baranof Island è l'isola più montuosa dell'Alexander Archipelago, l'ottava più grande in Alaska, paragonabile per forma ed estensione allo Stato del Delaware. La popolazione dell'isola era di 8.532 abitanti secondo il censimento USA del 2000.

Quasi tutta l'area dell'isola forma parte della città e comune di Sitka (Sitka si estende parzialmente anche a nord, nell'isola Chichagof). I villaggi di Baranof Warm Springs, Port Armstrong, e Port Walter si trovano nella parte est dell'isola.

Cattedrale di Saint Mikhail in Sitka

Industrie[modifica | modifica sorgente]

Vi sono anche tre industrie per la lavorazione delle uova di salmone, uno in Port Armstrong, l'altro giusto a nord di Baranof Warm Springs localizzato in Hidden Falls, l'altro a sud, raggiungibile da Sitka tramite una strada privata, nei pressi dello Medvejie Lake. Tutte queste comunita, eccetto Port Alexander, sono sotto la giurisdizione del "City and Borough of Sitka", con sede nel villaggio di Sitka. La pesca, il processamento del pescato, e il turismo sono le industrie importanti nell'isola, che è famosa anche per gli orsi bruni e per i cervi di Sitka.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo insediamento europeo nell'isola venne stabilito nel 1799 da Aleksandr Baranov, amministratore in capo e primo "Governor" della Compagnia Russo-Americana, e in suo onore gli sono stati dedicati sia l'isola che l'arcipelago in cui si trova. L'isola Baranof era il centro dell'attività russa in Nord America durante il periodo dal 1804 al 1867, e divenne il quartier generale del commercio di pellicce russo in America.

Attorno al 1900, l'isola Baranof venne sottoposta a esplorazioni minerarie di piccola scala, specialmente focalizzate attorno a Sitka e sul versante nord dell'isola attorno a Rodman Bay. Industrie di inscatolamento, stazioni di baleniere e allevamenti di volpi si svilupparono su tutti i lati dell'isola, anche se la maggior parte venne abbandonata in seguito alla seconda guerra mondiale. I resti di questi avamposti sono ancora evidenti, anche se la maggior parte si trovano in rovina.

Slattery Report[modifica | modifica sorgente]

Nel 1939 lo Slattery Report ebraico, nella sezione che analizzava lo sviluppo economico dell'Alaska, identificò l'isola come una delle aree dove stabilire nuovi insediamenti grazie all'immigrazione. Questo progetto non venne neanche avviato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]