Isabella Neville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Isabella Neville (Warwick, 5 settembre 145122 dicembre 1476) fu una principessa di Galles.

Stemma di Isabella, duchessa di Clarence.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era la figlia di Richard Neville e Anne de Beauchamp, XVI contessa di Warwick.

Nacque nel Castello di Warwick e trascorse gran parte dell'infanzia nel castello di Middleham, di proprietà della sua famiglia. Ivi lei e sua sorella Anna ebbero modo di conoscere e giocare spesso con i figli di Riccardo Plantageneto, III duca di York.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1469 l'ambizione del padre la portò a divenire la promessa sposa del presunto erede al trono d'Inghilterra, Giorgio Plantageneto, I duca di Clarence, fratello dei due re Edoardo IV d'Inghilterra e Riccardo, duca di Gloucester (poi Riccardo III d'Inghilterra).

Il re si oppose al matrimonio in quanto avrebbe comportato per il già potente conte di Warwick l'assunzione di una posizione pericolosamente vicina al trono. La cerimonia si svolse comunque in segreto a Calais l'11 luglio 1469.

In seguito al matrimonio, Clarence unì le sue forze con Warwick ed entrambi si allearono con i Lancaster guidati dalla deposta regina Margherita d'Angiò, consorte di Enrico VI d'Inghilterra. Intanto la sorella di Isabella, Anna, venne sposata a Edoardo di Lancaster, il principe di Galles in quanto figlio ed erede di Enrico VI.

Clarence si riappacificò col fratello, rendendosi conto che era improbabile che sarebbe diventato re.

Isabella diede al marito quattro figli:

Isabella morì il 22 dicembre 1476, due mesi e mezzo dopo la nascita di Riccardo. Si pensa che la causa della morte fossero le febbre puerperale ma a quel tempo suo marito accusò una delle sue dame di compagnia, Ankarette Twynyho, di averla uccisa e ne ordinò l'omicidio. Il nipote di Ankarette, Roger Twynyho venne ricevuto da Edoardo IV a cui chiese il completo perdono per Ankarette, attraverso una lettera presentata al re nel 1478 in cui descrisse la prepotenza di Clarence[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jackson, Canon JE L'esecuzione di Ankarette Twynyho, 1890, Catalogo dei libri stampati, opuscoli, ecc. presso la Biblioteca del Museo Archeologico Wiltshire e Museo di Storia Naturale Society 's a Devizes

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michael Hicks, Anne Neville: la regina di Riccardo III , Tempus 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]