Costanza di York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Costanza di York (Conisbrough, 1374Reading, 28 novembre 1416) fu una nobile inglese.

Il castello di Conisbrough, nello Yorkshire, dove nacque Costanza

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la secondogenita di Edoardo, duca di York, e della prima moglie Isabella di Castiglia. Suo nonno materno era Pietro I di Castiglia mentre suo nonno paterno Edoardo III d'Inghilterra.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 7 novembre 1379[1], Thomas Le Despencer, I conte di Gloucester. Ebbero cinque figli:

Dopo la morte del marito, Costanza divenne l'amante di Edmondo Holland, IV conte di Kent (1382-1408), da cui ebbe una figlia illegittima, Eleanor Holland (1406-1459), che sposò James Tuchet, V barone Audley.

Complotti contro Enrico IV[modifica | modifica wikitesto]

Suo marito venne nominato conte di Gloucester da Riccardo II, il 29 settembre 1397, ma dopo la sua deposizione e l'ascesa di Enrico IV, alcune delle sue terre furono sequestrate e gli venne tolto il titolo. Di conseguenza alla fine di dicembre del 1399, lui ed altri si unirono in una cospirazione, nota come la Rivolta dell'Epifania, per assassinare Enrico IV e ripristinare Riccardo II sul trono. Secondo una cronaca francese, il complotto venne tradito dal fratello di Costanza, Edoardo, tuttavia le cronache inglesi contemporanee non fanno menzione del presunto ruolo di Edoardo. Gloucester venne arrestato e decapitato il 13 gennaio 1400 a Bristol.

Abbazia di Reading

Durante la ribellione di Owain Glyndŵr, aiutò a far fuggire dal castello di Windsor il giovane Edmondo Mortimer, quinto conte March, rivale e pretendente al trono di Enrico IV.

Morì a Reading il 28 novembre 1416 e venne sepolta nell'Abbazia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine della Giarrettiera

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31386258 · LCCN (ENn2004035990 · WorldCat Identities (ENn2004-035990
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie