Iridaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Iridaceae
Iris xiphium. Spanish Iris - Flickr - gailhampshire.jpg
Iris xiphium
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Iridaceae
Juss., 1789
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiospermae
(clade) Monocotyledones
Ordine Asparagales
Famiglia Iridaceae
Sottofamiglie

Le Iridacee (Iridaceae Juss., 1789) sono una famiglia di piante erbacee monocotiledoni dell'ordine Liliales (se classificate secondo il sistema Cronquist) o Asparagales (secondo la classificazione filogenetica[1]), comprendente circa 1.800 specie e 92 generi. La famiglia è originaria delle regioni tropicali dell'Africa meridionale e dell'America centrale e meridionale, ma è diffusa anche nelle regioni temperate. In Italia, crescono spontanee una cinquantina di specie comprese in cinque generi.

Le Iridacee traggono il loro nome dal genere Iris.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le Iridacee sono piante erbacee perenni dotate di rizomi, bulbi o bulbo-tuberi, con fusti semplici o ramificati. Le foglie sono lineari o appuntite all'estremità, inguainanti, a margine intero, parallelinervie.

I fiori sono vistosi, avvolti da giovani in una spata con 2 o più brattee, con perigonio a 6 tepali saldati nella parte inferiore o formanti un tubo più o meno lungo allargato nella parte terminale. L'ovario è costituito da tre logge contenenti molti ovuli. I fiori sono talvolta solitari (ad esempio nel genere Crocus) o, più di frequente, raccolti in infiorescenze terminali, a forma di spighe, racemi, o cime, frutti a capsula con molti semi solitamente di forma allungata. Ma il carattere fondamentale che distingue le Iridacee dalle affini Amaryllidacee è la presenza di soli 3 stami, contro 6 nella seconda famiglia.

Filogenetica[modifica | modifica wikitesto]

Le analisi filogenetiche basate sulla morfologia e sulla sequenza del DNA indicano che le Iridacee costituiscono un clade monofiletico.[2][3][4][5][6]

I caratteri morfologici analizzati in forma indipendente ubicarono le Iridacee all'interno dell'ordine Liliales,[7][8] mentre la sequenza del DNA e le analisi congiunte dei dati morfologici e molecolari le ubicano all'interno dell'ordine Asparagales.[4][5][9]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Le Iridacee comprendono tre grandi cladi: Isophysidoideae, Iridoideae e Crocoideae.[2][3][6][10][11][12]

Sottofamiglie e tribù

Generi[modifica | modifica wikitesto]

Aristea africana, un esemplare della sottofamiglia Aristeoideae.
Tigridia pavonia, un'iridacea del Messico coltivata come pianta ornamentale.

La famiglia comprende i seguenti generi:[13]

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Le I. sono utilizzate in fitoterapia (Aletris, Iris), profumeria (Iris), in cucina o tintoria (Crocus, Iris, Moraea, Gladiolus, Tigridia), o come piante ornamentali (Iris, Gladiolus, Freesia, Ixia, Crocus, Sparaxis, Crocosmia, etc.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG II [collegamento interrotto], in Botanical Journal of the Linnean Society 2003; 141: 399–436.
  2. ^ a b Goldblatt, P. (1990). Phylogeny and classification of Iridaceae. Ann. Missouri Bot. Gard. (77): pp. 607-627.
  3. ^ a b Rudall, P. (1994). Anatomy and systematics of Iridaceae. Bot. J. Linn. Soc. (114): pp. 1-21.
  4. ^ a b Chase M. W., Duvall, M. R., Hills, H. G., Conran, J. G., Cox, A. V., Eguiarte, L. E., Hartwell, J., Fay, M. F., Caddick, L. R., Cameron, K. M., Hoot, S., Molecular systematics of Lilianae. In Rudall, P. J., Cribb, P. J., Cutler, D. F., Monocotyledons: Systematics and evolution., Royal Botanic Gardens, Kew, 1995, pag. 109-137
  5. ^ a b Chase M. W., Soltis, D. E., Soltis, P. S., Rudall, P. J., Fay, M. F., Hahn, W. H., Sullivan, S., Joseph, J., Molvray, M., Kores, P. J., Givnish, T. J., Sytsma, K. J., y Pires, J. C., Higher-level systematics of the monocotyledons: An assessment of current knowledge and a new classification. In Wilson, K. L. y Morrison, D. A., Monocots: Systematics and evolution., CSIRO Publ., 2000, Collingwood, Australia, pag. 3-16
  6. ^ a b Reeves, P. A.; Chase, M. W., Goldblatt, P., Rudall, P., Fay, M. F., Cox, A. V., Lejeune, B., Souza-Chies, T. (2001). Molecular systematics of Iridaceae: evidence from four plastid DNA regions. Amer. J. Bot. (88): pp. 2074-2087.
  7. ^ Stevenson D. W., Loconte, H., Cladistic analysis of monocot families. In Rudall, P. J., Cribb, P. J., Cutler, D. F., Monocotyledons: Systematics and evolution. Royal Botanic Gardens, Kew, 1995, pag.543-578
  8. ^ Chase M. W., Stevenson, D. W., Wilkin, P., y Rudall, P. J., Monocot systematics: A combined analysis. In Rudall, P. J., Cribb, P. J., Cutler, D. F., Monocotyledons: Systematics and evolution., Royal Botanic Gardens, Kew, 1995b, pag. 685-730
  9. ^ Fay M. F., Phylogenetic studies of Asparagales based on four plastid DNA regions. In K. L. Wilson e D. A. Morrison, Monocots: Systematics and evolution. Royal Botanic Gardens, 2000, CSIRO, Kollingwood, Australia, pag. 360-371
  10. ^ Goldblatt, P. (1991). An overview of the systematics, phylogeny and biology of the southern African Iridaceae. Contr. Bolus Herb. 13: pp. 1–74.
  11. ^ Goldblatt, P.; Manning, J. C., Rudall, P. (1998). Iridaceae. In Kubitzki, K.. The families and genera of vascular plants, vol 3, Monocotyledons: Lilianae (except Orchidaceae). (Royal Botanic Gardens edición). Berlin: Springer-Verlag. pp. 181-200.
  12. ^ Goldblatt, P.; V. Savolainen, O Porteous, Y Sostaric, M. Powell, G. Reeves, J. C. Manning, T. G. Arraclough. (2002). Radiation in the Cape flora and the phylogeny of peacock irises Moraea (Iridaceae) based on four plastid DNA regions. Molecular Phylogenetics and Evolution 25: pp. 341-360.
  13. ^ (EN) Iridaceae, in The Plant List. URL consultato il 27 giugno 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]