Induismo in India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Induismo è una delle principali religioni dell'India, con il 80,5% della popolazione che si identificano come indù[1]. La grande maggioranza degli indù in India appartengono alle correnti Vaishnavismo e Shivaismo[2]; l'India è infine uno dei tre paesi nel mondo - a parte il Nepal e le isole Mauritius - dove l'induismo è la religione di maggioranza dell'intera nazione.

La cultura del periodo storico conosciuto come civiltà vedica è nata in India tra il 2000 e il 1500 a.C[3]; di conseguenza l'induismo viene a tutt'oggi considerato il successore diretto della religione detta vedismo[4]: esso ha avuto un profondo impatto sulla storia, la cultura e la filosofia del subcontinente indiano.

Il nome India è derivato dal greco Ἰνδία per Indus, che deriva a sua volta dalla parola della lingua persiana antica indù , dalla lingua sanscrita Sindhu, la storica denominazione locale per il fiume Indo[5]; un'altra popolare alternativa sull'origine del nome dell'India è Hindustan, che significa " terra degli indù "[6]. La popolazione dei Maratti dell'altopiano del Deccan sono stati famosi nel corso dei secoli come campioni nella fede e propagazione dell'induismo[7].

Popolazione Hindù in India[modifica | modifica wikitesto]

Gli Hindù come percentuale sul totale della popolazione nei differenti stati dell'India (Censimento 2001).[8]

La popolazione indù dell'India secondo il censimento ufficiale 2001[9] è riportata qui sotto. La maggior e più drastica diminuzione avvenuta nel decennio 1991-2001 si osserva nello stato federato di Manipur, dal 57% al 52%, dove c'è stata una rinascita della religione indigena denominata Sanamahismo. Fatta eccezione per il Punjab indiano (a maggioranza sikh), alla zona montuosa del Kashmir (di maggioranza musulmana), piccole porzioni delle regioni di Nord-est e le isole Laccadive (UT), gli altri 23 stati federati dell'India e 6 territori hanno una schiacciante maggioranza di indù. Degli 8 stati del Nordest dell'India, solo l'Assam, il Sikkim e Tripura sono a maggioranza indù, mentre il resto degli altri cinque hanno gli indù come minoranza.

Percentuali di Hindù per distretto nel 2009.

Per dati più particolareggiati riguardanti il censimento del 2001, si può consultare la seguente tabella.

Territorio Hindù Popolazione totale % di Hindù
India 827,578,868 1,028,610,328 80.44%
Chhattisgarh 19,729,670 20,833,803 98.30%
Himachal Pradesh 5,800,222 6,077,900 96.43%
Orissa 34,726,129 36,804,660 95.35%
Dadra e Nagar Haveli 206,203 220,490 95.52%
Madhya Pradesh 55,004,675 60,348,023 93.15%
Daman e Diu 141,901 158,204 90.69%
Gujarat 45,143,074 50,671,017 90.09%
Andhra Pradesh 67,836,651 76,210,007 89.01%
Rajasthan 50,151,452 56,507,188 88.75%
Haryana 18,655,925 21,144,564 88.53%
Tamil Nadu 54,985,079 62,405,679 88.11%
Pondicherry 845,449 974,345 87.77%
Tripura 2,739,310 3,199,203 86.62%
Uttarakhand 7,212,260 8,489,349 85.96%
Karnataka 44,321,279 52,850,562 83.86%
Bihar 69,076,919 82,998,509 83.23%
Maharashtra 77,859,385 96,878,627 82.37%
Delhi 11,358,049 13,850,507 82.1%
Uttar Pradesh 133,979,263 166,197,921 81.61%
Chandigarh 707,978 900,635 80.61%
Bengala occidentale 58,104,835 80,176,197 77.47%
Isole Andamane e Nicobare 246,589 356,152 70.24%
Jharkhand 18,475,681 26,945,829 69.57%
Goa 886,551 1,347,668 67.78%
Assam 17,296,455 26,655,528 64.89%
Sikkim 329,548 540,851 61.93%
Kerala 17,883,449 31,841,374 60.16%
Manipur 996,894 2,166,788 46.01%
Arunachal Pradesh 379,935 1,097,968 44.60%
Punjab 8,997,942 24,358,999 38.94%
Jammu e Kashmir 3,005,349 10,143,700 34.63%
Meghalaya 307,822 2,318,822 29.27%
Nagaland 153,162 1,990,036 9.70%
Isole Laccadive 2,221 60,650 7.66%
Mizoram 31,562 888,573 6.58%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ India Census 2001, Censusindia.gov.in. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  2. ^ Hinduism, Adherents.com. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  3. ^ Paul N. Siegel, The meek and the militant: religion and power across the world, Zed Books, 1987, ISBN 9780862323493.
  4. ^ Dale Hoiberg, Students' Britannica India, Popular Prakashan, 2000, ISBN 9780852297605.
  5. ^ "India", Oxford English Dictionary, second edition, 2100a.d. Oxford University Press.
  6. ^ John Thompson Platts, A dictionary of Urdū, classical Hindī, and English, W.H. Allen & Co., Oxford University 1884.
  7. ^ Maratha | people | Britannica.com
  8. ^ Population by religious communities Census of India, Ministry of Home Affairs, Govt of India
  9. ^ Indian Census, Censusindia.gov.in, 14 maggio 2012. URL consultato il 17 ottobre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]