Incidente UFO di Aurora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Articolo originale del giornale che descrive l'incidente di S. E. Haydon, "Un mulino a vento demolito", The Dallas Morning News, 19 aprile 1897, pag. 5

L'incidente UFO di Aurora è un evento verificatosi ad Aurora (Texas, Stati Uniti) il 17 aprile 1897 quando, secondo la gente del posto, un UFO si è schiantato in una fattoria nei pressi di Aurora. L'incidente (simile al più famoso incidente di Roswell avvenuto 50 anni dopo) ha riscosso clamore per il suo schianto e per la presunta sepoltura di un alieno senza nome nel cimitero locale.

Cronologia degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Un cartello della Texas Historical Commission al di fuori del cimitero dell'Aurora, presunto luogo di sepoltura del pilota dell'UFO, che cita brevemente l'accaduto

Durante il periodo 1896-1897, numerosi avvistamenti di aeronavi a forma di sigaro erano segnalati negli Stati Uniti.

Uno di questi è apparso il 19 aprile 1897 sull'edizione del Dallas Morning News. Scritto da un abitante di Aurora di nome S.E. Haydon[1], il presunto UFO si dice abbia colpito un mulino a vento di proprietà di un giudice di nome J.S. Proctor, due giorni precedenti circa alle 6:00 ora locale[2], con conseguente suo incidente. Il pilota (che era stato segnalato per essere "non di questo mondo" e un "marziano", secondo quando riportato dall'esercito ufficiale dalla vicina Fort Worth[3]) non sopravvisse all'incidente, e fu sepolto "con riti cristiani" presso il vicino cimitero di Aurora (il cimitero contiene un cartello della Texas Historical Commission che menziona l'incidente)[4].

Secondo quanto riferito, il relitto dal luogo dello schianto era stato scaricato in un vicino pozzo situato sotto il mulino al vento danneggiato, mentre alcuni sono finiti con l'alieno nella tomba. Ad alimentare il mistero, è stata la storia del signor Brawley Oates, che aveva acquistato la proprietà del giudice Proctor intorno al 1935. Oates aveva ripulito i detriti dal pozzo al fine di utilizzarlo come fonte d'acqua, ma in seguito ha sviluppato un caso estremamente grave d'artrite, che ha affermato di essere il risultato dell'acqua contaminata dalle macerie scaricate nel pozzo. Di conseguenza, Oates ha sigillato il pozzo con una lastra di cemento e posta una dépendance in cima alla lastra (secondo la scrittura sulla lastra, questo è stato fatto nel 1957).

Teoria della bufala[modifica | modifica wikitesto]

La teoria della bufala è basata principalmente sulla ricerca storica eseguita da Barbara Brammer, ex sindaco di Aurora. La sua ricerca (inclusa nella parte dell'episodio di UFO Files sull'incidente) ha rivelato che, nei mesi precedenti il presunto schianto, Aurora era stata colpita da una serie di tragici incidenti:

  • Innanzitutto, la coltura locale del cotone (la principale fonte del reddito cittadino) era stata distrutta da un'infestazione di anthonomus grandis.
  • In secondo luogo, un incendio nella parte occidentale della città distrusse diversi edifici e molte persone persero la vita.
  • Poco dopo l'incendio, un'epidemia di febbre maculata ha colpito la città, quasi spazzando via i residenti e mettendo la città in quarantena.
  • Infine, era prevista una ferrovia entro 27 miglia da Aurora, ma non fu mai costruita in città.

Essenzialmente, Aurora (che aveva quasi 3.000 abitanti all'epoca) era in grave pericolo di morire; la ricerca di Brammer ha anche dimostrato che Haydon era noto in città per essere un tipo che raccontava frottole, e la sua conclusione è che l'articolo di Haydon era un tentativo di mantenere Aurora viva.

La teoria è stata ulteriormente sostenuta dal fatto che Haydon non ha mai eseguito alcun tipo di seguito sulla storia, nemmeno a segnalare la sepoltura dell'alieno, che è estremamente insolito a causa del significato dell'evento. Va anche segnalato che negli archivi cittadini non è stato trovato alcun documento a supporto della veridicità della storia[5].

Inoltre, nel 1979, la rivista Time ha intervistato Etta Pegues, una residente di 86 anni di Aurora, che ha sostenuto che Haydon aveva fabbricato l'intera storia, affermando che Haydon: "scrisse una bufala per attirare l'interesse su Aurora. La ferrovia ci aveva bypassato e la città stava morendo".[2] Pegues inoltre ha sostenuto che il giudice Proctor non aveva mai avuto un mulino a vento sulla sua proprietà, una dichiarazione in seguito confutata come parte dell'episodio di UFO Hunters, che ha trovato la base di un mulino a vento costruito intorno al pozzo. Inoltre tutte le dichiarazioni fornite dalla signora Pegues non sono attendibili perché la donna all'epoca dei fatti aveva solamente 4 anni e quindi non in grado di ricordare i particolari da lei asseriti circa la vicenda dello schianto.

Il famoso Jim Marrs ha intervistato un testimone oculare che avrebbe visto l'incidente dell'UFO; inoltre, il mulino a vento del giudice tecnicamente non era un mulino a vento, ma una torre di pompaggio dell'acqua in legno di tre piani.

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

L'incidente è stato esaminato in numerose occasioni. Una di queste indagini è stata trasmessa dalla locale stazione televisiva KDFW FOX 4 e due sono state trasmesse in televisione via cavo.

Rapporto KDFW[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome di Haydon a volte viene scritto come "S.E. Hayden" in altre fonti.
  2. ^ a b Close Encounters of a Kind, Time, 12 marzo 1979. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  3. ^ Aliens: a conspiracy out of this world, BBC News, 2 ottobre 1998. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  4. ^ Mike Fink, Alien country: Earthlings welcome, CNN, 17 febbraio 2004. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  5. ^ Aurora Texas UFO crash hoax