Il diabolico complotto del dottor Fu Manchu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il diabolico complotto del Dr. Fu Manchu
Titolo originale The Fiendish Plot of Dr. Fu Manchu
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1980
Durata 108 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere parodia - poliziesco
Regia Piers Haggard, Peter Sellers (non accreditato)
Soggetto Sax Rohmer
Sceneggiatura Rudy Dochtermann, Jim Moloney
Produttore Orion Pictures
Distribuzione (Italia) Warner Bros. Pictures
Musiche Marc Wilkinson
Interpreti e personaggi

Il diabolico complotto del Dr. Fu Manchu (The Fiendish Plot of Dr. Fu Manchu) è un film parodia del 1980, diretto dal regista Piers Haggard.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Londra, 1933. Fu Manchu è al suo 168º compleanno, età che riesce a raggiungere grazie ad un magico elisir di lunga vita che egli stesso produce nel laboratorio del proprio palazzo sull'Himalaya. Questo elisir, in seguito alla distrazione di un maldestro collaboratore, venne completamente perduto. Perciò egli tenta di impossessarsi degli ingredienti necessari per creare la pozione: per fare questo deve impossessarsi della mummia Almal Thal Mal, custodita al British Museum di Londra e di due diamanti (la Stella di Leningrado, custodita a Mosca, e il Giorgio V, custodito a Londra).

Informata dell'accaduto, Scotland Yard, ricorre allo storico nemico di Fu Manchu, Natale Smith, un ex investigatore in pensione che ora vive immerso nella campagna inglese. Dopo aver discusso dell'accaduto con l'esperto Smith, egli ritiene che il vero scopo di Fu Manchu sia quello di rubare il tesoro della corona d'Inghilterra, ricattando le loro maestà con il sequestro della Regina Mary.

Dopo aver discusso con Sir Beccodoro, responsabile della Torre di Londra, si decide di preparare una trappola: viene trovato un sosia della regina tra le poliziotte che verrà quindi rapita da Fu Manchu. Alice Scabbia si innamorerà però dell'anziano criminale e tradirà la causa di Scotland Yard. Dopo aver corrotto anche Sir Beccodoro, amante viscerale della cucina cinese, i malviventi riescono a sottrarre il tesoro della corona d'Inghilterra.

A questo punto i protagonisti partono con Natale Smith per trattare con Fu Manchu a bordo del suo cottage (munito di una grande mongolfiera in grado di far viaggiare la casa intera). Giunti sull'Himalaya, Fu Manchu scopre che Natale Smith ha sostituito il diamante Giorgio V con una copia, facendo risultare impura la pozione magica del dottore cinese. È Smith ora a ricattare Fu Manchu: egli darà il vero diamante solo se il diabolico Fu restituirà i gioielli della corona d'Inghilterra. Messo alle strette il criminale cede e restituisce i gioielli, preparando infine col diamante ottenuto un nuovo filtro di lunga vita che terrà in parte per sé e in parte lo regalerà a Natale Smith, cosicché possano continuare la loro lotta, ancora per molti anni.

Sfondo[modifica | modifica wikitesto]

Sellers aveva già registrato nel 1955 un Goon Show dal titolo The Terrible Revenge of Fred Fu-Manchu[1] ambientato nel 1895. Nel fu gli amici di Fu insistono col chiamarlo "Fred" nome con cui era noto a Eton.

Oltre a Sellers, il film presenta Sid Caesar come l'agente Joe Capone dell'FBI, David Tomlinson come il commissario di Scotland Yard sir Roger Avery, Simon Williams come il suo sbadato nipote e Helen Mirren come la poliziotta Helen Rage (la sua performance è coronata dal pezzo cantato di "Daddy Wouldn't Buy Me a Bow Wow").

Burt Kwouk, lungo co-protagonista con Sellers della serie La Pantera Rosa, fa un cammeo come suddito di Fu Manchu il quale accidentalmente distrugge il suo elisir vitae, dando il via a tutta la trama del film. John Le Mesurier ha una piccola parte nel film come maggiordomo di Natale Smith.

A dfferenza delle altre opere dove compare il personaggio di Fu Manchu, nel film non sono presenti né la figlia del criminale cinese né il dottor Petrie, amico di Natale Smith.

Ricezione e critica[modifica | modifica wikitesto]

Il diabolico complotto del dottor Fu Manchu fu universalmente etichettato dalle critiche come un pessimo lavoro. Phil Hardy descriveva il film come una "atrocità britannica".[2] La malattia di Peter Sellers e la sua spossatezza sono chiaramente visibili lungo tutto lo svolgersi del film e si riflettono sul suo personaggio di Natale Smith, facilmente comparabile con altri più brillanti detectives da lui interpretati come Clouseau. L' Orange Coast Magazine scrisse "L'ultimo urra! di Peter Seller è paragonabile al suo recente Being There. Anche se sdoppiato... il detective ed il criminale di 168 anni fu Manchu mostrano pochi momenti di splendore.[3] Tom Shales del The Washington Post descrisse il film come "una commedia indifendibilmente inetta",[4] aggiungendo che "è difficile trovare un altro bravo attore che abbia fatto così tanti film di bassa lega come Sellers, un commediante molto dotato ma ferocemente scaduto. "Manchu" ottiene così il suo giusto posto assieme ad altri personaggi malati presenti in Where Does It Hurt, The Bobo e The Prisoner of Zenda".[4]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il doppiaggio italiano ha fatto diverse modifiche, tra di esse l'italianizzazione dei cognomi (Avery=Fagiano, Thudd=Beccodoro, Rage=Scabbia) o dei nomi come nel caso di "Naylan" diventato "Natale". Questo per creare qualche gioco di parola (es: "Buon Natale Smith"). Altri nomi sono completamente mutati rispetto all'originale come il servitore di Natale Smith che da Perkins passa a "Merlino".
  • Il personaggio di Fu Manchu è tratto dai libri di Sax Rohmer, di intonazione molto diversa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Goon Show Site – Script – The Terrible Revenge of Fred Fu-Manchu (Series 6, Episode 12), Thegoonshow.net, 6 dicembre 1955. URL consultato il 7 novembre 2012.
  2. ^ Phil Hardy, The BFI Companion to Crime, Continuum International Publishing Group, 1997, p. 139, ISBN 978-0-304-33215-1. URL consultato l'11 aprile 2013.
  3. ^ Orange Coast Magazine, Emmis Communications, ottobre 1980, p. 105, ISSN 0279-0483.
  4. ^ a b Tom Shales, 'Fu' for Naught; The Fiendish Plod in The Washington Post (Washington), 8 agosto 1980, p. C1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema