Igino Ugo Tarchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Iginio Ugo Tarchetti)
Jump to navigation Jump to search
Igino (o Iginio) Ugo Tarchetti

Igino (o Iginio) Ugo Tarchetti (San Salvatore Monferrato, 29 giugno 1839[1]Milano, 25 marzo 1869) è stato uno scrittore, poeta e giornalista italiano. Collaborò con le testate Rivista minima, Il giornale per tutti, La settimana illustrata, Il gazzettino rosa, Il pungolo, e tentò di lanciare senza successo un periodico proprio, il Piccolo giornale[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Igino (o Iginio) Pietro Teodoro Tarchetti (Igino è il nome con cui si firmava, mentre lo pseudonimo Ugo fu aggiunto a partire dal 1864, in omaggio a Foscolo)[3][4] nacque a San Salvatore Monferrato, vicino ad Alessandria, nel 1839.[1] Studiò a Casale e a Valenza, e si arruolò giovane nell'esercito, partecipando a varie campagne per la repressione del brigantaggio nel Sud Italia.[3] Descrizioni delle cronache del suo tempo ci descrivono Tarchetti come un giovane alto all'incirca un metro e ottantaquattro, con volto ovale, il naso diritto, gli occhi azzurri: un bell'uomo, capace di provare e scatenare grandi passioni.[5]

Nel 1863 a Varese intrecciò una relazione sentimentale con Carlotta Ponti, testimoniata da varie lettere del suo epistolario. Trasferitosi a Milano l'anno successivo per motivi di salute, entrò in contatto con gli ambienti della Scapigliatura e strinse fraterna amicizia con Salvatore Farina. In questi anni compose e pubblicò lo scritto teorico Idee minime sul romanzo e il romanzo di scarso successo Paolina (entrambi usciti sulla Rivista minima nel 1865).[4]

Verso il mese di novembre del 1865 Tarchetti, che si trovava a Parma per incarichi militari, conobbe una donna, una certa Carolina (o forse Angiolina), parente di un suo superiore, malata di epilessia e prossima alla morte. Pur non essendo bella, questa suscitò subito un'attrazione da parte dello scrittore, forse per i grandissimi occhi neri e le trecce color ebano. Tarchetti stesso così la descrive: "Quell'infelice mi ama perdutamente… il medico mi disse che morrà fra sei o sette mesi, ciò mi lacera l'anima, vorrei consolarla e non ho il coraggio, vorrei abbellire d'una misera e fuggevole felicità i suoi ultimi giorni e v'ha la natura che mi respinge da lei".[6]

La relazione fra i due fu uno scandalo e la donna fu fonte di ispirazione per il personaggio di Fosca nell'omonimo romanzo (1869). Nel 1865 Tarchetti abbandonò la vita militare per problemi di salute, trasferendosi definitivamente a Milano. Qui trascorse i suoi ultimi anni, frequentando salotti culturali (come quello della contessa Clara Maffei)[4] e conducendo una frenetica attività letteraria che portò alla pubblicazione di articoli, romanzi, racconti e poesie.[7]

Malato di tisi, morì per una febbre tifoide il 25 marzo del 1869 in casa dell'amico Salvatore Farina, venendo sepolto al Cimitero Monumentale di Milano[4][5] e successivamente trasferito al cimitero di San Salvatore Monferrato. La fine avvenne ben prima di quella della malata Carolina, che – si dice – gli sopravvisse e onorò la scomparsa del poeta il 1º novembre di ogni anno, mandando fiori alla sua lapide.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

« Scrivere per noi per rileggere, per ricordare in segreto, per piangere in segreto. Ecco perché scrivo [...] Io scrivo ora per me medesimo. »

(Fosca, cap. I)
Frontespizio dei Racconti fantastici, 1869

Tarchetti fu uno dei più importanti esponenti della Scapigliatura milanese. Anticonformista e tendente alla malinconia e alle fantasie macabre, ha lasciato diverse opere tra romanzi, racconti e poesie. Si tratta in certi casi di opere di critica sociale, spesso supportanti tesi antimilitariste, altre volte di racconti che presentano un certo gusto per il macabro, l'abnorme e il patologico, frutto in particolare della lettura delle opere di Poe e Hoffmann. Il suo capolavoro è però il romanzo Fosca, pubblicato postumo e terminato dall'amico Salvatore Farina.[8]

Ed. A Tedeschi XIX, parole di Iginio U. Tarchetti, musica di Francesco Paolo Frontini.

Romanzi, racconti, poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolina. Mistero del coperto del Figini, romanzo di critica sociale pubblicato sulla Rivista minima dal 30-11-1865 al 31-1-1866, Milano 1867
  • Drammi di vita militare, poi pubblicato con il titolo di Una nobile follia, romanzo antimilitarista pubblicato in Il sole dal 12-11-1866 al 27-3-1867, Milano 1869
  • Storia di una gamba, racconto lungo sul tema della morte, Milano 1869
  • Amore nell'arte, tre racconti dedicati ai temi dell'arte, della musica e dell'amore, Milano 1869
  • L'innamorato della montagna. Impressioni di un viaggio, Milano 1869
  • Fosca, pubblicato sul Pungolo dal 21-2-1869 al 6-4-1869, poi in volume, Milano 1869 (romanzo incompiuto portato a termine da Salvatore Farina)
  • Racconti fantastici, racconti in bilico tra illusione e certezza, fantastico e reale, Milano 1869
  • Racconti umoristici, In cerca di morte e Re per ventiquattrore, Milano 1869
  • Disjecta,[9] raccolta postuma di poesie curata da Domenico Milelli, Bologna 1879
  • Le leggende del castello nero, racconto breve, a cura di Dafne Munro, Urban Apnea 2015
  • Disjecta, edizione critica, introduzione e commento a cura di Roberto Mosena, Carabba, Lanciano 2017

Scritti teorici[modifica | modifica wikitesto]

  • Idee minime sul romanzo, pubblicato su Rivista minima del 31-10-1865

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'amico comune (Our mutual friend) di Charles Dickens, Milano 1868 (prima traduzione italiana)

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il poeta e scrittore Emilio Praga compose in suo onore la poesia Sulla tomba di I.U. Tarchetti (1871).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La data di nascita è stata stabilita con certezza dallo studioso Giuseppe De Giovanni, dopo che in molti l'avevano posticipata al 1841. Cfr. E. Ghidetti, Tarchetti e la Scapigliatura lombarda, Libreria Scientifica Editrice, Napoli 1968, p. 48.
  2. ^ Tarchetti sul sito Officinae.net.
  3. ^ a b L. Spalanca, Vita e opere di Igino Ugo Tarchetti in: I.U. Tarchetti, Una nobile follia, a cura di L. Spalanca, Giorgio Pozzi, Ravenna 2009, p. 24.
  4. ^ a b c d Cfr. la Notizia bio-bibliografica a cura di R. Carnero per: I.U. Tarchetti, Una nobile follia, Oscar Mondadori, Milano 2004, pp. XXVII-XXVIII.
  5. ^ a b Scheda dedicata a Tarchetti sul sito Letteratura al femminile.
  6. ^ Tarchetti sul sito Oblique.
  7. ^ Biografia di Tarchetti Archiviato il 29 giugno 2009 in Internet Archive. su Liber Liber.
  8. ^ G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, Dal testo alla storia, dalla storia al testo, Paravia 2000, vol. 3/1 (La Scapigliatura, il Verismo, il Decadentismo), p. 24.
  9. ^ Audiolettura di due poesie
  10. ^ Alessandro Mauro, Elapsus - De Andrè e Tarchetti, su www.elapsus.it. URL consultato l'11 gennaio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutte le opere, a cura di E. Ghidetti, Libreria Scientifica Editrice, Napoli 1968
  • Paolina. Misteri del Coperto dei Figini, appendice: Idee minime sul romanzo, Mursia, Milano 1994 ISBN 9788842517009
  • Una nobile follia, a cura di R. Carnero, Oscar Mondadori, Milano 2004
  • Amore nell'arte, Lindau, Torino 2002
  • L'innamorato della montagna, Osanna Edizioni, Venosa 1994; Lindau, Torino 2018
  • Fosca, Oscar Mondadori, Milano 2002
  • Disjecta, edizione critica, introduzione e commento a cura di Roberto Mosena, Carabba, Lanciano 2017

Saggi critici[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Ghidetti, Tarchetti e la Scapigliatura lombarda, Napoli, Libreria Scientifica Editrice, 1968.
  • Arnaldo Di Benedetto, Il romanzo antimilitarista di I. U. Tarchetti, in Ippolito Nievo e altro Ottocento, Napoli, Liguori, 1996.
  • Giovanna Rosa, La narrativa degli scapigliati, Bari, Laterza, 1997.
  • Angelo Mangini, La voluttà crudele. Fantastico e malinconia nell'opera di Igino Ugo Tarchetti, Roma, Carocci, 2000.
  • Nicoletta Pireddu, “Poe spoetizzato: l'esotismo tarchettiano,” in Fantastico Poe, a cura di by R. Cagliero, Verona, Ombre Corte, 2004, pp. 157–176.
  • Manuela Mura, Pratiche intertestuali. Influssi inglesi nell'opera di Iginio Ugo Tarchetti, Roma, Bulzoni, 2008.
  • Bernardina Moriconi, I "Racconti fantastici" di Igino Ugo Tarchetti, in "In limine", n.6, 2010, pp. 45–62.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34557152 · ISNI (EN0000 0001 2100 5570 · SBN IT\ICCU\CFIV\093555 · LCCN (ENn79063355 · GND (DE11880135X · BNF (FRcb124717342 (data) · BAV ADV12392552