Ida Noddack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ida Noddack

Ida Noddack, nata Ida Tacke (Wesel, 25 febbraio 1896Bad Neuenahr-Ahrweiler, 29 ottobre 1978), è stata una chimica e fisica tedesca.

Fu la prima ad elaborare l'idea della fissione nucleare nel 1934. Partendo da una analisi critica degli esperimenti di Enrico Fermi, che riteneva possibile (in un articolo su Nature del 1934), che, dal bombardamento di uranio naturale con neutroni, si fossero prodotti elementi transuranici, in un seguente articolo del settembre 1934 la Noddack suggerì l'ipotesi che si potessero produrre elementi della parte centrale della tavola periodica. Nessuno allora prese in considerazione la sua ipotesi in quanto era contraria al pensiero scientifico del momento; la Noddack non tentò comunque di verificare la sua teoria.

La Noddack riferisce che nello stesso periodo un Cecoslovacco, Odolen Koblic, pubblicava una nota nella quale riferiva di aver trovata in pechblenda trattata l'1% di una sostanza con Z=93 che egli denominava Bohemium ed inviava alla Noddack dei campioni la cui analisi smentì del tutto la notizia di Koblic.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77083151 · ISNI (EN0000 0000 5199 8959 · LCCN (ENn2007011849 · GND (DE117036447