I quaderni di Malte Laurids Brigge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I quaderni di Malte Laurids Brigge
Titolo originaleDie Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge
AutoreRainer Maria Rilke
1ª ed. originale1910
Genereromanzo
Lingua originale tedesco
AmbientazioneParigi
ProtagonistiMalte Laurids Brigge

I quaderni di Malte Laurids Brigge è un romanzo di Rainer Maria Rilke pubblicato nel 1910.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ignoto straniero con vocazione di poeta, Malte Laurids Brigge, danese di famiglia nobile decaduta arriva in un giorno della tarda estate a Parigi e si stabilisce nel Quartiere Latino. La prosa esplode in blocchi di parole governati da una forte impronta espressionistica. È la ricerca incessante del significato della vita attraverso la consapevolezza della morte che guida il giovane Malte per le strade di una Parigi cupa e sulla soglia della prima guerra mondiale.

Il romanzo tratta temi esistenziali come la ricerca dell'individualità, il significato della morte e la riflessione sull'esperienza del tempo man mano che la morte si avvicina. Fortemente influenzato dagli scritti di Nietzsche, Rilke incorpora anche tecniche impressionistiche di artisti come Rodin e Cézanne. Usando queste tecniche, lo scrittore evoca immagini della rivoluzione industriale e del progresso tecnico-scientifico che sono pervase di ansietà e alienazione.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF: (FRcb11958405n (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura