Biblioteca Adelphi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La «Biblioteca Adelphi», una delle principali collane dell'editore Adelphi e guidata da Roberto Calasso, fu fondata nel 1965 a Milano da Luciano Foà e Roberto Olivetti con l'uscita di L'altra parte di Alfred Kubin

Con una media di un titolo al mese, ha pubblicato a oggi quasi 700 volumi di vario genere, di cui solo un centinaio di scrittori italiani. Gli altri volumi sono prevalentemente traduzioni di opere scritte in oltre 30 lingue straniere e l’importazione in Italia di tali testi e autori si deve maggiormente all’editore. Adelphi è stata in grado di introdurre nomi poco noti nel panorama mondiale, rivelatisi poi di grande influenza sulla cultura contemporanea.

La Biblioteca Adelphi si contraddistingue per un carattere di apertura totale verso tutti i generi, verso ogni specie di autore, dal giovane e ignoto scrittore vivente fino all´autore anonimo, oscuro e remoto perché pubblicare “libri unici” all’interno di una collana serve a dar loro un supporto che li tenga insieme pur nelle loro disparate fisionomie. 

Romanzi, saggi, autobiografie, opere teatrali vengono scelti secondo un fondamentale criterio: la profondità dell’esperienza da cui nascono e di cui sono viva testimonianza.

I libri della collana Biblioteca Adelphi si distinguono inoltre per il loro aspetto. Si presentano con una copertina di carta opaca con colori che esplorano le varie gamme di toni intermedi; la scritta ‘Biblioteca Adelphi’ è posta su una striscia superiore nera e sottostante ad essa si trova una cornice che introduce un elemento essenziale: l’immagine, ovvero l’equivalente del testo in una singola figura. 

Volumi pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

1965[modifica | modifica wikitesto]

1966[modifica | modifica wikitesto]

1967[modifica | modifica wikitesto]

1968[modifica | modifica wikitesto]

1969[modifica | modifica wikitesto]

1970[modifica | modifica wikitesto]

1971[modifica | modifica wikitesto]

1972[modifica | modifica wikitesto]

1973[modifica | modifica wikitesto]

1974[modifica | modifica wikitesto]

1975[modifica | modifica wikitesto]

1976[modifica | modifica wikitesto]

1977[modifica | modifica wikitesto]

1978[modifica | modifica wikitesto]

1979[modifica | modifica wikitesto]

1980[modifica | modifica wikitesto]

1981[modifica | modifica wikitesto]

1982[modifica | modifica wikitesto]

1983[modifica | modifica wikitesto]

1984[modifica | modifica wikitesto]

1985[modifica | modifica wikitesto]

1986[modifica | modifica wikitesto]

1987[modifica | modifica wikitesto]

1988[modifica | modifica wikitesto]

1989[modifica | modifica wikitesto]

1990[modifica | modifica wikitesto]

1991[modifica | modifica wikitesto]

1992[modifica | modifica wikitesto]

1993[modifica | modifica wikitesto]

1994[modifica | modifica wikitesto]

1995[modifica | modifica wikitesto]

1996[modifica | modifica wikitesto]

1997[modifica | modifica wikitesto]

1998[modifica | modifica wikitesto]

1999[modifica | modifica wikitesto]

2000[modifica | modifica wikitesto]

2001[modifica | modifica wikitesto]

2002[modifica | modifica wikitesto]

2003[modifica | modifica wikitesto]

2004[modifica | modifica wikitesto]

2005[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

2007[modifica | modifica wikitesto]

2008[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2016[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Adelphi, catalogo online
  2. La Repubblica, Roberto Calasso, la Repubblica, pag.56, 27/12/2006
  3. Premio Gogol Italia, Intervista a Anna Raffetto, ‘Einaudi e Adelphi componenti imprescindibili della cultura italiana’.
  4. Il Libraio.it, 'Una donna americana sta leggendo tutto il catalogo della Biblioteca Adelphi'.