Hughes Springs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hughes Springs
city
(EN) City of Hughes Springs
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaCass
Morris
Territorio
Coordinate32°59′53.16″N 94°37′50.16″W / 32.9981°N 94.6306°W32.9981; -94.6306 (Hughes Springs)Coordinate: 32°59′53.16″N 94°37′50.16″W / 32.9981°N 94.6306°W32.9981; -94.6306 (Hughes Springs)
Altitudine115 m s.l.m.
Superficie6,4 km²
Abitanti1 760 (2010)
Densità275 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale75656
Prefisso903
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Hughes Springs
Hughes Springs
Hughes Springs – Mappa

Hughes Springs è un comune (city) degli Stati Uniti d'America situato tra le contee di Cass e Morris nello Stato del Texas. La popolazione era di 1.760 abitanti al censimento del 2010.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Hughes Springs è situata a 32°59′53″N 94°37′50″W / 32.998056°N 94.630556°W32.998056; -94.630556 (32.998115, -94.630542)[1].

Secondo lo United States Census Bureau, la città ha una superficie totale di 6,4 km², dei quali 6,4 km² di territorio e 0 km² di acque interne (0% del totale).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1839 Reese Hughes costruì la prima cabina nell'area vicino a tre sorgenti minerali. Le sorgenti, chiamate Chalybeate Springs, divennero presto conosciute come Hughes Springs, così come l'insediamento che vi sorgeva. Un ufficio postale noto ai funzionari postali come Hugh operava nella contea di Cass dal 1847 al 1849 con W. V. Hughes come direttore postale. Questo ufficio potrebbe essere stato presso o vicino all'insediamento di Hughes Springs. Quando la East Line and Red River Railroad fu costruita nell'angolo sud-occidentale della contea nel 1876, Hughes Springs divenne una stazione sulla linea e cominciò a crescere. All'inizio una delle principali attrazioni della zona erano le sorgenti minerali, che erano considerate medicinali. Nel 1878, anno in cui fu creato un ufficio postale presso la comunità, Hughes Springs era diventata una località di cura relativamente popolare, nonché un punto di consegna e rifornimento per gli agricoltori della zona. La città nel 1884 aveva visto segherie, mulini di cotone, tre chiese, una scuola e una popolazione di 300 abitanti. Il suo livello di popolazione rimase relativamente stabile alla fine degli anni 1800 e il censimento del 1900 registrò 317 residenti in quella zona. La città fu incorporata nel 1903, e nel 1920 la sua popolazione era di 831 abitanti. La popolazione raggiunse una stima di 1.000 abitanti nel 1929, ma scese durante i primi anni della grande depressione, a 736 abitanti nel 1933[2].

Durante gli anni 1920 Hughes Springs iniziò a perdere la sua popolarità come località di cura, ma rimase un punto di consegna e approvvigionamento per gli agricoltori della zona. Man mano che l'agricoltura locale diventava più diversificata, nuove aziende si aprivano per soddisfare le esigenze degli agricoltori. Nel 1925 Hughes Springs era il sito di un impianto di stagionatura di patate dolci che gestiva circa 25.000 bushel all'anno. L'impianto era una delle quarantacinque aziende certificate durante l'anno in quell'anno. Quasi fin dall'inizio dell'insediamento, i suoi cittadini erano consapevoli che l'area aveva ricchi giacimenti di minerale di ferro. Una fornace fu costruita durante gli anni 1850 e fu rilevata dal governo confederato durante la guerra civile americana. In seguito fu chiuso dal governo federale perché non c'era carbone nell'area e il trasporto del combustibile alla centrale era troppo costoso. I giacimenti minerari furono utilizzati dalla Kelly Plough Company di Jefferson a partire dal 1870, ma non toccarono quasi i 200 milioni di tonnellate di minerale disponibile. Nel 1912 Charles M. Schwab, a capo della Bethlehem Steel Corporation, offrì una combinazione di azioni e denaro per un totale di 7 milioni di dollari per il controllo del minerale, ma i proprietari di leasing rifiutarono la sua offerta per una questione di valore delle scorte. Alla fine, durante la seconda guerra mondiale, la Lone Star Steel Plant aprì nella contea di Morris a dieci miglia da Hughes Springs. Sebbene Hughes Springs avesse perso l'opportunità di essere il sito di un'acciaieria, il vicino mulino colpì profondamente la città, portando nell'area molte industrie collaterali, tra cui un catrame e un impianto chimico e un impianto che produceva materiale per la costruzione delle strade dal mulino scorie. L'impianto per la costruzione di strade si trovava a ovest di Hughes Springs. Tra il 1940 e il 1950 la popolazione della città balzò da 767 a 1.445. Nel 1960 la sua popolazione era salita a 1.823 abitanti, e nel 1980 arrivò a 2.196 abitanti. Nel 1982 il mulino fu costretto a ridurre drasticamente le sue operazioni mentre l'industria siderurgica americana crollava. Nel 1990 la popolazione di Hughes Springs era di 1.938 abitanti. La popolazione scese a 1.856 abitanti nel 2000[2].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[3] del 2010, la popolazione era di 1.760 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 75,4% di bianchi, il 20,06% di afroamericani, lo 0,28% di nativi americani, lo 0,06% di asiatici, lo 0% di oceanici, il 2,1% di altre razze, e il 2,1% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 4,6% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138392532
Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas