Hope Hicks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hope Hicks
Hope Hicks November 2017.jpg

Direttore delle comunicazioni della Casa Bianca
Durata mandato 16 agosto 2017 - 29 marzo 2018
Predecessore Anthony Scaramucci
Successore Bill Shine

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Titolo di studio Laurea in letteratura inglese
Università Southern Methodist University

Hope Charlotte Hicks (Greenwich, 21 ottobre 1988) è una politica e funzionaria statunitense, dall'agosto 2017 al 29 marzo 2018 direttore delle comunicazioni della Casa Bianca durante l'amministrazione Trump. Ritorna alla Casa Bianca nel febbraio 2020 per la campagna elettorale di Trump.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Caye Ann Cavender e Paul Burton Hicks III, che fu vicepresidente della comunicazione della NFL dal 2010 al 2015, crebbe a Greenwich, Connecticut, lavorando anche come modella per Ralph Lauren; si è laureata nel 2010 in letteratura inglese presso la Southern Methodist University.[1][2]

Hicks inizio lavorando per la Zeno Group, una società di pubbliche relazioni di New York, e successivamente si trasferì alla Hiltzik Strategies che all'epoca lavorava per conto di Ivanka Trump.[3] Nell'ottobre 2014 venne assunta a tempo pieno dalla Trump Organization e a gennaio 2015 viene promossa a portavoce della campagna presidenziale di Donald Trump, occupandosi delle quotidiane richieste di incontro con la stampa e dei controversi tweet del futuro presidente.[4][5] Con l'elezione di Donald Trump a presidente, il 16 agosto 2017 viene promossa a direttore delle comunicazioni della Casa Bianca al posto di Anthony Scaramucci.[6]

In seguito alle indagini sul caso Russiagate, il 28 febbraio 2018 testimonia in un'audizione fiume durata 9 ore alla Commissione per l'intelligence del Congresso di aver raccontato "bugie bianche" al presidente, ma si rifiuta, tuttavia, di parlare del suo operato alla Casa Bianca.[7][8][9] L'indomani Hicks annuncia la sua intenzione di dimettersi dall'incarico.[10][11] Il giorno seguente la Casa Bianca conferma le voci sulle sue possibili dimissioni.[10][12][13]. Il 29 marzo lascia l’incarico.[14]

Nel 2019 inizia a lavorare per Fox News Channel come responsabile delle comunicazioni e vicepresidente esecutivo.[15] Nel febbraio 2020 viene annunciato il ritorno della Hicks alla Casa Bianca come consigliera di Donald Trump, anche se facente riferimento al genero-consigliere del presidente Jared Kushner e attiva ai progetti cui sovrintende, compresa la campagna per la rielezione del presidente[16].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael M. Grynbaum, Hope Hicks: The Woman Who ‘Totally Understands’ Donald Trump, in nytimes.com, 24 giugno 2016. URL consultato il 1º marzo 2018.
  2. ^ (EN) Olivia Nuzzi, The Mystifying Triumph of Hope Hicks, Donald Trump’s Right-Hand Woman, in gq.com, 20 giugno 2016. URL consultato il 1º marzo 2018.
  3. ^ (EN) Jeremy Diamond, Hope Hicks: A witness to Trump's rise, 8 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  4. ^ (EN) Elise Viebeck, Hope Hicks flies quietly in the eye of the Trump storm, in washingtonpost.com, 27 luglio 2015. URL consultato il 1º marzo 2018.
  5. ^ (EN) Reed Tucker, Meet Trump’s 26-year-old mystery woman, in nypost.com, 25 settembre 2015. URL consultato il 1º marzo.
  6. ^ Enrico Marro, Hope, l’ex modella 28enne capo della comunicazione alla Casa Bianca a cui Trump dettava i suoi tweet, in ilsole24ore.com, 17 agosto 2017. URL consultato il 1º marzo 2018.
  7. ^ (EN) Hope Hicks, the White House aide snared by white lies, su Financial Times. URL consultato l'11 marzo 2018.
  8. ^ (EN) Fandos Nicholas, Hope Hicks Acknowledges She Sometimes Tells White Lies for Trump, in The New York Times, 27 febbraio 2018. URL consultato l'11 marzo 2018.
  9. ^ (EN) Manu Raju e Jeremy Herb, What Hope Hicks meant about white lies, in CNN, 1º marzo 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  10. ^ a b (EN) Maggie Haberman, Hope Hicks to Leave Post as White House Communications Director, in The New York Times, 28 febbraio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  11. ^ (EN) White House communications director Hope Hicks to resign [collegamento interrotto], in ABC News.
  12. ^ Usa, lascia Hope Hicks: era l’informatrice del presidente Trump. L’addio poche ore dopo l’audizione sul Russiagate, in ilfattoquotidiano.it, 1º marzo 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.
  13. ^ (EN) White House communications director Hope Hicks to resign [collegamento interrotto], su ABC News.
  14. ^ (EN) Tristan Lejeune, Trump bids farewell to Hope Hicks, in The Hill, 29 marzo 2018. URL consultato il 30 marzo 2018.
  15. ^ (EN) Brian Selter, Former Trump aide Hope Hicks joins Fox as head of PR, in CNN, 8 ottobre 2018. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  16. ^ (EN) Hope Hicks returning to White House, su Associated Press, 13 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28152329232902672549