Hesperoptenus tickelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hesperoptenus tickelli
Immagine di Hesperoptenus tickelli mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Tribù Eptesicini
Genere Hesperoptenus
Specie H.tickelli
Nomenclatura binomiale
Hesperoptenus tickelli
Blyth, 1851
Sinonimi

H.isabellinus

Hesperoptenus tickelli (Blyth, 1851) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nel Subcontinente indiano e in Indocina.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 61 e 79 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 50 e 60,4 mm, la lunghezza della coda tra 44 e 63 mm, la lunghezza del piede tra 9 e 14 mm, la lunghezza delle orecchie tra 14 e 18 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Le parti dorsali sono variano dal bruno-giallastro chiaro all'arancione, mentre le parti ventrali sono leggermente più chiare. Il muso è corto, bruno-arancione chiaro, appuntito con due masse ghiandolari sui fianchi e con le narici che si aprono lateralmente, separate da un solco superficiale. La testa è larga, piatta e ricoperta di peli fino alla punta del muso. Le orecchie sono moderate e ben separate tra loro, ovali, bruno-arancioni chiare e con la superficie dorsale densamente ricoperta di peli. Il trago è corto, con l'estremità appuntita, piegato in avanti, con il margine anteriore diritto, quello posteriore convesso e con una proiezione alla base. Le membrane alari sono grigio scure o nerastre, con le ossa della mano bruno-arancioni chiare e sono attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi. Alla base del pollice è presente un piccolo cuscinetto carnoso. La coda è lunga ed inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il calcar è carenato.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia nelle cavità degli alberi. L'attività di volo inizia prima del tramonto, il volo è lento e diritto con dei frequenti percorsi circolari. Difende strenuamente il suo territorio di caccia dagli altri consimili, sebbene possa condividerlo con un esemplare dell'altro sesso.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti catturati in volo sopra la volta forestale o su spazi aperti come specchi d'acqua, dove spesso scende per abbeverarsi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine danno alla luce un piccolo alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa in Nepal, negli stati indiani dell'Andhra Pradesh, Assam, Goa, Jharkhand, Karnataka, Madhya Pradesh, Maharashtra, Orissa, Rajasthan, Tamil Nadu e West Bengal; Bhutan, Bangladesh, Sri Lanka, Myanmar sud-orientale, Thailandia, Vietnam meridionale, Laos, Cambogia e nelle Isole Andamane.

Vive lungo i margini di foreste decidue e semi-decidue e in aree agricole fino a 1.000 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa, la presenza in diverse aree protette e la tolleranza alle modifiche ambientali, classifica H.tickelli come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Csorba, G., Bumrungsri, S., Francis, C., Bates, P., Ong, P., Gumal, M., Kingston, T., Molur, S. & Srinivasulu, C. 2008, Hesperoptenus tickelli in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Hesperoptenus tickelli in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Francis, 2008, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Charles M.Francis, A Guide to the Mammals of Southeast Asia, Princeton University Press, 2008. ISBN 9780691135519.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi