Herbert von Bismarck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Princely Hat.svg
Herbert von Bismarck
Max Koner - Fürst Herbert Bismarck 1898.jpg
Ritratto del Principe Herbert von Bismarck (Max Koner)
Principe Bismarck Duca di Lauenburg
Stemma
In carica 30 luglio 1898 –
18 settembre 1904
Predecessore Otto von Bismarck
Successore Otto Christian Archibald von Bismarck
Nome completo Nikolaus Heinrich Ferdinand Herbert von Bismarck
Nascita Berlino, 28 dicembre 1849
Morte Friedrichsruh, 18 settembre 1904
Dinastia Bismarck
Padre Otto von Bismarck
Madre Johanna von Puttkamer
Consorte Marguerite Hoyos
Figli Otto Christian Archibald von Bismarck
Hannah Gräfin von Bismarck
Goedela Gräfin von Bismarck
Gottfried von Bismarck
Albrecht von Bismarck
Herbert von Bismarck
NascitaBerlino, 28 dicembre 1849
MorteFriedrichsruh, 18 settembre 1904
EtniaTedesco
ReligioneProtestantesimo
Dati militari
Paese servitoGermania Confederazione della Germania del Nord
Forza armataEsercito prussiano
ArmaFanteria
GuerreGuerra franco-prussiana
BattaglieBattaglia di Mars-la-Tour
voci di militari presenti su Wikipedia

Nikolaus Heinrich Ferdinand Herbert von Bismarck (Berlino, 28 dicembre 1849Friedrichsruh, 18 settembre 1904) è stato un politico tedesco, figlio primogenito del cancelliere Otto von Bismarck e di Johanna von Puttkamer.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I figli di Otto von Bismarck verso il 1855: Marie, Herbert e Wilhelm

Nel 1874 entrò nel servizio degli Esteri; accanto all'attività in diverse legazioni svolse nei primi anni anche l'incarico di segretario privato del padre, le cui idee politiche sostenne poi per tutta la vita.

Nel 1881 fu nominato ambasciatore a Londra, nel 1884 a Pietroburgo e ancora nello stesso anno fu inviato all'Aia.

Nel 1886 Guglielmo I lo nominò segretario di Stato nel ministero degli Esteri e nel 1888 ministro di Stato prussiano. Si valse della sua grande conoscenza delle questioni diplomatiche e mise a prova le sue doti politiche in numerose missioni particolarmente a Londra fino al 1889. Tuttavia rimase sempre nell'ombra di suo padre, alla cui volontà egli si subordinò incondizionatamente.

Quando il 20 marzo 1890 il padre cancelliere si dimise, lo seguì, sebbene Guglielmo II desiderasse che egli mantenesse il suo incarico.

Morì a Friedichruh nel 1904 e l'anno successivo l'editore Penzler pubblicò a Berlino, postumi, i suoi discorsi politici, dal titolo Politische Reden.

Il suo primogenito Otto fu un diplomatico e politico e anche il secondogenito Gottfried scelse la vita politica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia dei personaggi storici, Storia Illustrata, Arnoldo Mondadori Editore, 1970 - pag.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22935395 · ISNI (EN0000 0001 2099 8611 · LCCN (ENn84011054 · GND (DE118663542 · BAV ADV12177691 · WorldCat Identities (ENn84-011054