Hans Müller-Einigen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Hans Müller-Einigen, noto anche con il nome di Hans Müller, (Brno, 25 ottobre 1882Lago di Thun, 8 marzo 1950), è stato uno scrittore, commediografo e librettista austriaco. Suo fratello minore era lo scrittore Ernst Lothar.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hans Müller-Einigen, figlio di Johanna Wohlmuth e dell'avvocato Josef Müller, nacque a Brünn (l'attuale Brno) nel 1882, quando la città morava faceva ancora parte dell'Impero austro-ungarico. Maggiore di tre fratelli, studiò legge all'università di Vienna dove si laureò nel 1907. A Grenoble e a Lipsia frequentò corsi universitari di filosofia e storia della musica. Per studio, viaggiò in Europa e negli Stati Uniti.

I suoi lavori teatrali - nel primo ventennio del Novecento - furono i più rappresentati al Burgtheater di Vienna. La commedia satirica Hargudl am Bach, che venne rappresentata nel 1909, fu oggetto di uno dei più grandi scandali del teatro viennese. Die Flamme, del 1920, - che Lubitsch avrebbe portato sullo schermo nel 1923 - viene ricordato come il più grande successo di Müller.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109414193 · ISNI (EN0000 0000 8406 7085 · LCCN (ENn82025100 · GND (DE119054329 · BNF (FRcb14692647d (data) · BNE (ESXX6067985 (data) · NLA (EN35722318 · WorldCat Identities (ENlccn-n82025100