HMS Curacoa (1854)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Curacoa
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
TipoFregata ad elica
ClasseTribune
ProprietàNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Ordine4 aprile 1851, riordinata il 18 luglio dello stesso anno
CostruttoriCantiere Pembroke, macchinari ad opera di Maudslay, Sons & Field
Varo13 aprile 1854
Radiazione1869
Destino finaleDemolita prima del 17 luglio 1869
Caratteristiche generali
Lunghezza59 m
Larghezza13 m
Altezza3,94 m
Velocità10,75 nodi (19,91 km/h)

dati tratti da [1]

voci di navi presenti su Wikipedia

La HMS Curacoa è stata una fregata ad elica classe Tribune della Royal Navy, la marina britannica, varata nel 1854, da non confondersi con navi omonime che, nei decenni successivi, sono state in servizio nella stessa.

Essa servì nel mar Mediterraneo tra il 1854 e il 1857 e poi nel mar Nero, nel corso della Guerra di Crimea. Il 17 ottobre 1855 prese parte al bombardamento dei forti sulla penisola di Kinburn inquadrata in una forza mista anglo-francese[2]. Fece parte della Channel Fleet tra il 1857 e il 1859, quindi fu destinata al Comando della flotta britannica in Nord America e nelle Indie Occidentali tra il 1859 e il 1862.

In seguito fu inviata in Australia, dove rimase fino al 1866. Fu la nave ammiraglia dell'Australia Station dal 20 aprile 1863 al maggio 1866, con armamento di bordo ridotto a 23 cannoni nel 1863.

Durante l'invasione di Waikato, la sua compagnia di bordo provvide a rafforzare la Brigata Navale ad Auckland (Nuova Zelanda) il 2 ottobre 1863.

Fu poi fatta rientrare nel Regno Unito nel 1866 e mandata in disarmo nel 1869[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b HMS Curacoa, su pdavis.nl. URL consultato il 22 luglio 2017.
  2. ^ Sainsbury, p. 431.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]