Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Hāʾ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
26-Ha.png
Lettre 26 hâ'.gif

Hāʼ è la ventieseiesima lettera dell'alfabeto arabo. Nella numerazione abjad essa assume il valore 5 (questa numerazione si basa infatti sull'antico ordine delle lettere nell'alfabeto semitico nordoccidentale, dove per l'appunto era la quinta lettera).

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'alfabeto arabo.

Questa lettera deriva secondo alcuni da 05 ha.svg dell'alfabeto nabateo, secondo altri da ܗ dell'alfabeto siriaco. In ogni caso deriva da he dell'alfabeto aramaico (He0.svg), che nacque dalla he dell'alfabeto fenicio (Phoenician he.png), generata dalla haw dell'alfabeto proto-cananeo (Proto-Canaanite letter haw.svg).

Fonetica[modifica | modifica wikitesto]

Foneticamente corrisponde alla fricativa glottidale sorda ([h]).

Scrittura e traslitterazione[modifica | modifica wikitesto]

Hāʼ viene scritta in varie forme in funzione della sua posizione all'interno di una parola:

Forma isolata Forma iniziale Forma intermedia Forma finale
…ﻫ …ﻬ… ﻪ…

Nella traslitterazione dall'arabo è comunemente associata a h.

Sintassi[modifica | modifica wikitesto]

Hāʼ è una lettera lunare. Ciò significa che quando ad una parola che inizia con questa lettera bisogna anteporre l'articolo determinativo (ال alif-lām al), esso non subirà alcuna modifica.

Hāʼ è utilizzata come suffisso per indicare possesso, precisamente per indicare il possesso di un soggetto maschile. Ad esempio, كتاب kitāb "libro" diventa كتابه kitābuhu "il suo (di lui) libro" con l'aggiunta alla fine della parola di hāʼ; il possessore è implicito nel suffisso. Un ulteriore esempio in una frase completa, هو يقراء كتابه, (huwa yaqraʼ kitābahu, "lui legge il suo libro") spiega meglio in che modo sia indicato il possessore.

La forma femminile è realizzata con l'aggiunta di una alif: ـها -hā.