Gustavo Endres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 203 cm
Peso 98 kg
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Centrale
Ritirato 2015
Carriera
Giovanili
1993-1996 Banespa
Squadre di club
1996-2001 Banespa
2001-2003 4Torri Ferrara
2003-2004 Volley Latina
2004-2009 Volley Treviso
2009-2011 Pinheiros
2011-2012 Cimed
2012-2015 APAV
Nazionale
1997-2011 Brasile Brasile
Palmarès
Transparent.png Giochi Olimpici
Oro Atene 2004
Argento Pechino 2008
Transparent.png Campionato mondiale
Oro Argentina 2002
Oro Giappone 2006
Transparent.png Campionato sudamericano
Oro Brasile 2005
Oro Cile 2007
Transparent.png World League
Bronzo Mar del Plata 1999
Bronzo Rotterdam 2000
Oro Katowice 2001
Argento Belo Horizonte 2002
Oro Madrid 2003
Oro Roma 2004
Oro Belgrado 2005
Oro Mosca 2006
Oro Katowice 2007
Transparent.png Coppa del Mondo
Oro Giappone 2003
Oro Giappone 2007
Transparent.png Grand Champions Cup
Oro Giappone 1997
Argento Giappone 2001
Oro Giappone 2005
Statistiche aggiornate al 19 marzo 2015

Gustavo Endres, noto semplicemente come Gustavo (Passo Fundo, 23 agosto 1975), è un dirigente sportivo ed ex pallavolista brasiliano.

Giocò come centrale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Endres inizia a giocare nelle giovanili del Banespa São Bernardo nel 1993 e durante il suo periodo di permanenza nel club ottiene le prime convocazioni nelle selezioni giovanili brasiliane, con cui conquista il campionato mondiale juniores 1993 ed il campionato sudamericano juniores 1994, per poi vincere la medaglia d'argento al campionato mondiale juniores 1995

Nel 1996 fa il suo esordio in prima squadra, dove resta per cinque stagioni, senza raggiungere grandi risultati, ma ottenendo comunque le prime convocazioni nella nazionale maggiore brasiliana, con la quale esordisce nel 1997. In questi anni conquista i suoi primi titoli, vincendo la Grand Champions Cup 1997, due edizioni della Coppa America, nel 1998 e nel 1999, e la World League 2001.

Nella stagione 2001-02 si trasferisce in Italia, per giocare nella 4Torri Ferrara Volley, dove rimane anche l'anno successivo. In questo biennio con la nazionale vince la sua seconda World League, la Coppa del Mondo e, soprattutto, il suo primo Campionato mondiale.

Nella stagione 2003-04 si trasferisce nel Volley Latina. Durante l'estate si laurea campione olimpico ad Atene 2004 e conquista un'altra World League.

Nella stagione 2004-05 passa alla Sisley Volley Treviso, club con cui resta legato per cinque stagioni e con cui colleziona numerosi trofei: a livello nazionale vince tre supercoppe italiane, due coppe nazionali e due scudetti; a livello europeo trionfa nella Champions League 2005-06, in cui riceve anche il premio come miglior muro. Non da meno sono i successi che ottiene con la nazionale, con la quale vince nuovamente il Campionato mondiale e la Coppa del Mondo, oltre a due Campionati sudamericani, la Grand Champions Cup 2005 e altre tre World League.

Nella stagione 2009-10 torna in Brasile per giocare con l'Esporte Clube Pinheiros, dove resta per due stagioni, per poi passare al Cimed Esporte Clube, con cui vince un Campionato Catarinense. Fa la sua ultima apparizione con la nazionale nel 2011 ai Giochi Panamericani, in cui vince la medaglia d'oro.

Nella stagione 2012-13 viene ingaggiato dall'Associação dos Pais e Amigos do Vôlei; al termine del campionato 2014-15, dopo l'eliminazione della sua squadra dai play-off, annuncia il suo ritiro dalla pallavolo giocata e la sua nomina a dirigente della squadra.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Raquel Endres, è padre di due figli, Enzo ed Eric. È inoltre il fratello maggiore del pallavolista Murilo Endres, sposato a sua volta con la pallavolista Jaqueline de Carvalho.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

2004-05, 2006-07
2012
2004-05, 2006-07
2004, 2005, 2007
2005-06

Nazionale (competizioni minori)[modifica | modifica wikitesto]

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]