Nazionale di pallavolo maschile del Brasile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brasile Brasile
Divise ufficiali
Flag of Brazil.svg
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Flag of Brazil.svg
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Volleyball (indoor) pictogram.svg Pallavolo
Federazione CBV
Soprannome O' falbulao
Commissario tecnico Bernardo de Rezende
Olimpiadi
Partecipazioni 13 (esordio: 1964)
Miglior risultato Campione nel 1992, 2004
Campionato mondiale
Partecipazioni 14 (esordio: 1956)
Miglior risultato Campione nel 2002, 2006, 2010
World League
Partecipazioni 24 (esordio: 1990)
Miglior risultato Campione nel 1993, 2001, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2009, 2010
Coppa del Mondo
Partecipazioni 12 (esordio: 1969)
Miglior risultato Campione nel 2003, 2007
Campionato sudamericano
Partecipazioni 29 (esordio: 1951)
Miglior risultato Campione nel 1951, 1956, 1958, 1961, 1962, 1967, 1969, 1971, 1973, 1975, 1977, 1979, 1981, 1983, 1985, 1987 1989, 1991, 1993 1995, 1997, 1999, 2001, 2003, 2005, 2007, 2009, 2011, 2013

La nazionale di pallavolo maschile brasiliana è la squadra che rappresenta il Brasile nelle competizioni internazionali di pallavolo maschile. Essa è posta sotto l'egida della Confederazione brasiliana di pallavolo (Confederação Brasileira de Voleibol - CBV). Al 28 luglio 2009 la nazionale è al primo posto nel ranking mondiale FIVB. È campione del mondo e del Sud America in carica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La squadra è campione in carica della World League, della Grand Champions Cup FIVB, del campionato del mondo e del campionato Sudamericano. Inoltre è l'unica squadra nazionale al mondo (a livello maschile) ad essersi aggiudicata, almeno una volta, tutte le competizioni internazionali esistenti (Campionato Mondiale, Campionato Continentale, Coppa di Confederazione, Coppa del Mondo, World League, Grand Champion's Cup, Olimpiadi).

Era Rezende[modifica | modifica sorgente]

A seguito del sesto posto ai Giochi Olimpici di Sydney, la squadra sperimentò una fase di profondi cambiamenti nel corso del 2001. Bernardo de Rezende, soprannominato Bernardinho, che aveva allenato per sei anni la nazionale femminile, fu scelto dalla federazione per guidare quella maschile. La scelta si rivelò azzeccata, infatti con Bernardinho alla guida la squadra trionfò nella World League, nella Coppa America e nel Campionato Sudamericano e conquistò un secondo posto nella Grand Champions Cup. Nel 2002 il Brasile finì secondo nella World League dopo aver perso la finale in casa contro la Russia. Ma in quello stesso anno conquistarono il campionato mondiale per la prima volta nella storia.

L'inizio del 2003 fu molto promettente per i campioni del mondo in carica. Dopo un'eccitante finale contro Serbia e Montenegro vinta 3-2 a Madrid, il Brasile ottenne il suo terzo successo nella World League. In seguito la squadra fu sconfitta dal Venezuela nella semifinale dei Giochi Panamericani a Santo Domingo (Repubblica Dominicana) conquistando poi la medaglia di bronzo. Soltanto un mese dopo la nazionale verdeoro ottenne la rivincita, sconfiggendo i venezuelani per 3-0 nella finale del Campionato Sudamericano. Quell'anno si concluse con la vittoria dell'unico trofeo che ancora mancava nella bacheca carioca: la Coppa del Mondo, disputata in Giappone.

Nel 2004 Rezende condusse i brasiliani alla conquista del quarto titolo nella World League e nell'agosto di quell'anno la squadra conquistò la sua seconda medaglia d'oro della sua storia ad Atene 2004, sconfiggendo in finale per 3-1 l'eterna rivale, la nazionale italiana.

Nel 2005 i campioni olimpici in carica conquistarono quattro medaglie. L'oro nella World League nella riedizione della finale del 2003 contro Serbia e Montenegro, sconfitta stavolta per 3-1. Un argento nella Coppa America dopo aver perso la finale contro gli Stati Uniti. L'ennesimo oro (il 25° della storia) nel Campionato Sudamericano, dopo aver vinto tutte le partite e aver perso un solo set in tutto il torneo. Per concludere in bellezza l'annata, la squadra di Bernardinho vinse ancora l'oro nella Grand Champions Cup in Giappone. Nel 2006 i brasiliani vinsero la loro sesta World League e il secondo campionato mondiale.

Rosa[modifica | modifica sorgente]

Segue la rosa dei giocatori convocati per la Grand Champions Cup 2013.

Nome Ruolo Data di nascita Squadra
1 Bruno de Rezende Capitano P 2 luglio 1986 Brasile RJX Rio de Janeiro
3 Éder Carbonera C 19 ottobre 1983 Brasile Sada Cruzeiro
4 Wallace de Souza S/O 26 giugno 1987 Brasile Sada Cruzeiro
5 Sidnei dos Santos C 9 luglio 1982 Brasile SESI São Paulo
8 Ricardo Lucarelli S 14 febbraio 1992 Brasile SESI São Paulo
9 Evandro Guerra S/O 27 dicembre 1981 Brasile SESI São Paulo
11 Thiago Alves S 26 luglio 1986 Brasile RJX Rio de Janeiro
12 Luiz Fonteles S 19 giugno 1984 Turchia Fenerbahçe SK
13 Maurício de Souza S 29 settembre 1988 Brasile RJX Rio de Janeiro
15 Lucas Lóh S 18 gennaio 1991 Brasile Minas Tênis Clube
16 Lucas Saatkamp C 6 marzo 1986 Brasile SESI São Paulo
18 Maurício Silva C 4 febbraio 1989 Brasile Minas Tênis Clube
19 Mário Pedreira L 3 maggio 1982 Brasile RJX Rio de Janeiro
20 Raphael Vieira P 14 giugno 1979 Turchia Halkbank Ankara

Partecipazioni e posizionamenti[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1964 Giappone Tokyo 7º posto
1968 Messico Città del Messico 9º posto
1972 Germania Monaco 8º posto
1976 Canada Montreal 7º posto
1980 URSS Mosca 5º posto
1984 Stati Uniti Los Angeles 2º posto
1988 Corea del Sud Seul 4º posto
1992 Spagna Barcellona 1º posto
1996 Stati Uniti Atlanta 5º posto
2000 Australia Sydney 6º posto
2004 Grecia Atene 1º posto
2008 Cina Pechino 2º posto
2012 Regno Unito Londra 2º posto

Campionati mondiali[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1949 Cecoslovacchia Cecoslovacchia non qualificata
1952 URSS URSS non qualificata
1956 Francia Francia 11º posto
1960 Brasile Brasile 5º posto
1962 URSS URSS 10º posto
1966 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 13º posto
1970 Bulgaria Bulgaria 12º posto
1974 Messico Messico 9º posto
1978 Italia Italia 6º posto
1982 Argentina Argentina 2º posto
1986 Francia Francia 4º posto
1990 Brasile Brasile 4º posto
1994 Grecia Grecia 5º posto
1998 Giappone Giappone 4º posto
2002 Argentina Argentina 1º posto
2006 Giappone Giappone 1º posto
2010 Italia Italia 1º posto

Campionati sudamericani[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1951 Brasile Brasile 1º posto
1956 Uruguay Uruguay 1º posto
1958 Brasile Brasile 1º posto
1961 Perù Perù 1º posto
1962 Cile Cile 1º posto
1964 Argentina Argentina non qualificata
1967 Brasile Brasile 1º posto
1969 Venezuela Venezuela 1º posto
1971 Uruguay Uruguay 1º posto
1973 Colombia Colombia 1º posto
1975 Paraguay Paraguay 1º posto
1977 Perù Perù 1º posto
1979 Argentina Argentina 1º posto
1981 Cile Cile 1º posto
1983 Brasile Brasile 1º posto
1985 Venezuela Venezuela 1º posto
1987 Uruguay Uruguay 1º posto
1989 Brasile Brasile 1º posto
1991 Brasile Brasile 1º posto
1993 Argentina Argentina 1º posto
1995 Brasile Brasile 1º posto
1997 Venezuela Venezuela 1º posto
1999 Argentina Argentina 1º posto
2001 Colombia Colombia 1º posto
2003 Brasile Brasile 1º posto
2005 Brasile Brasile 1º posto
2007 Cile Cile 1º posto
2009 Colombia Colombia 1º posto
2011 Brasile Brasile 1º posto
2013 Brasile Brasile 1º posto

World League[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1990 Giappone Osaka 3º posto
1991 Italia Milano 5º posto
1992 Italia Genova 5º posto
1993 Brasile San Paolo 1º posto
1994 Italia Milano 3º posto
1995 Brasile Rio de Janeiro 2º posto
1996 Paesi Bassi Rotterdam 5º posto
1997 Russia Mosca 5º posto
1998 Italia Milano 5º posto
1999 Argentina Mar del Plata 3º posto
2000 Paesi Bassi Rotterdam 3º posto
2001 Polonia Katowice 1º posto
2002 Brasile Belo Horizonte 2º posto
2003 Spagna Madrid 1º posto
2004 Italia Roma 1º posto
2005 Serbia e Montenegro Belgrado 1º posto
2006 Russia Mosca 1º posto
2007 Polonia Katowice 1º posto
2008 Brasile Rio de Janeiro 4º posto
2009 Serbia Belgrado 1º posto
2010 Argentina Córdoba 1º posto
2011 Polonia Danzica 2º posto
2012 Bulgaria Sofia 6º posto
2013 Argentina Mar del Plata 2º posto

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1965 Polonia Polonia non qualificata
1969 Germania Est Germania Est 6º posto
1977 Giappone Giappone 8º posto
1981 Giappone Giappone 3º posto
1985 Giappone Giappone 4º posto
1989 Giappone Giappone 5º posto
1991 Giappone Giappone 6º posto
1995 Giappone Giappone 3º posto
1999 Giappone Giappone 5º posto
2003 Giappone Giappone 1º posto
2007 Giappone Giappone 1º posto
2011 Giappone Giappone 3º posto

Grand Champions Cup[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1993 Giappone Giappone 2º posto
1997 Giappone Giappone 1º posto
2001 Giappone Giappone 2º posto
2005 Giappone Giappone 1º posto
2009 Giappone Giappone 1º posto
2013 Giappone Giappone 1º posto

Coppa America[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
1998 Argentina Mar del Plata 1º posto
1999 Stati Uniti Orlando 1º posto
2000 Brasile São Bernardo 2º posto
2001 Argentina Buenos Aires 1º posto
2005 Brasile São Leopoldo 2º posto
2007 Brasile Manaus 2º posto
2008 Brasile Cuiabá 2º posto

Coppa Panamericana[modifica | modifica sorgente]

Anno Luogo Piazzamento
2006 Messico Messico non partecipante
2007 Rep. Dominicana Rep. Dominicana non partecipante
2008 Canada Canada non partecipante
2009 Messico Messico non partecipante
2010 Porto Rico Porto Rico 4º posto
2011 Canada Canada 1º posto
2012 Rep. Dominicana Rep. Dominicana 4º posto
2013 Messico Messico 1º posto

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]