Giuseppe Bicocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Bicocchi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XIII
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana, Rinnovamento Italiano
Coalizione L'Ulivo
Circoscrizione Pisa (XI), Emilia-Romagna (XIII)
Collegio Parma-Collecchio (XIII)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana, Patto Segni
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Giuseppe Bicocchi (Manciano, 18 luglio 1943Lucca [1], 18 febbraio 2008[2]) è stato un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera politica all'interno della Democrazia Cristiana, della quale diventa segretario provinciale a Lucca. Dal 1975 al 1985 è presidente della provincia di Lucca e dal 1985 al 1992 è consigliere regionale in Toscana. Nel 1992 è eletto alla Camera dei deputati. Nel 1994 aderisce al Patto Segni[3].

Nel 1996 è nuovamente eletto alla Camera all'interno della formazione di Rinnovamento Italiano, che successivamente lascia insieme ai fedelissimi di Mariotto Segni (Diego Masi e Elisa Pozza Tasca)[4]. Per un breve periodo aderisce, nel 1998, all'Unione Democratica per la Repubblica.

Insieme a Masi, votò la sfiducia al governo Prodi I, nell'ottobre 1998, sebbene eletto nella coalizione di centro-sinistra dell'Ulivo.

Terminato il mandato parlamentare nel 2001, nel 2006 è nominato presidente della Fondazione Stella Maris, istituto scientifico per la neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]