Giuseppe Bicocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Bicocchi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XIII
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana, Rinnovamento Italiano
Coalizione L'Ulivo
Circoscrizione XI - Emilia-Romagna
Collegio 29 Parma - Collecchio
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana, Patto Segni
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Giuseppe Bicocchi (Manciano, 18 luglio 1943Lucca [1], 18 febbraio 2008[2]) è stato un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera politica all'interno della Democrazia Cristiana, della quale diventa segretario provinciale a Lucca. Dal 1975 al 1985 è presidente della provincia di Lucca e dal 1985 al 1992 è consigliere regionale in Toscana. Nel 1992 è eletto alla Camera dei deputati. Nel 1994 aderisce al Patto Segni[3].

Nel 1996 è nuovamente eletto alla Camera all'interno della formazione di Rinnovamento Italiano, che successivamente lascia insieme ai fedelissimi di Mariotto Segni (Diego Masi e Elisa Pozza Tasca)[4]. Per un breve periodo aderisce, nel 1998, all'Unione Democratica per la Repubblica.

Insieme a Masi, votò la sfiducia al governo Prodi I, nell'ottobre 1998, sebbene eletto nella coalizione di centro-sinistra dell'Ulivo.

Terminato il mandato parlamentare nel 2001, nel 2006 è nominato presidente della Fondazione Stella Maris, istituto scientifico per la neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza.

Predecessore Presidente della Provincia di Lucca Successore Provincia di Lucca-Stemma.png
 ? 1975 - 1985 Piero Leonardo Andreucci

Note[modifica | modifica wikitesto]