Girolamo Mengozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Girolamo Mingozzi)

Girolamo Mengozzi o Mingozzi, detto il Colonna (Ferrara, 1686Venezia, 27 ottobre 1774) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Un particolare degli affreschi nel coro della chiesa dei Santi Faustino e Giovita a Brescia

Allievo di Francesco Scala e di Antonio Ferrari, nel 1724 entra a far parte dell'Accademia nazionale di San Luca a Roma. Nella sua vita, comunque, dimorò principalmente a Venezia. Qui esegue alcuni ornati architettonici all'interno del Palazzo Ducale e una serie di affreschi a monocromo nella chiesa di San Nicola da Tolentino.

Affermatosi come valente quadraturista, viene chiamato da Giambattista Tiepolo per lavorare al suo fianco in varie opere, soprattutto per dipingere le finte architetture in cui il Tiepolo avrebbe inserito le sue prospettive. I due lavorano assieme nella chiesa di San Geremia, nella chiesa degli Scalzi, in Palazzo Labia e nel Palazzo Patriarcale di Udine.

La collaborazione prosegue anche con il figlio Giandomenico Tiepolo nell'Apoteosi dei santi Faustino, Giovita, Benedetto e Scolastica, dipinta tra il 1754 e il 1755 per la chiesa dei Santi Faustino e Giovita a Brescia. In questo caso, l'intervento del Mengozzi non si limita all'incorniciatura del grande affresco centrale, ma si estende alle pareti dell'intero coro, dove vengono aperte altre quadrature con persone affacciate da finte ringhiere e false nicchie contenenti statue circondate da nubi[1].

È noto un rapporto di collaborazione anche con Marcantonio Franceschini nella chiesa di San Francesco d'Assisi di Torino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pier Virgilio Begni Redona, pag. 127

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pier Virgilio Begni Redona, Pitture e sculture in San Faustino in AA. VV., "La chiesa e il monastero benedettino di San Faustino Maggiore in Brescia", Gruppo Banca Lombarda, Editrice La Scuola, Brescia 1999
  • Giovanni Treccani degli Alfieri, Enciclopedia Italiana di scienze, lettere ed arti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN95764912 · ULAN: (EN500013731