Giovanni Simonetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rerum gestarum Francisci Sfortiae, 1490
Giovanni Simonetta in un'incisione di Raffaello Morghen.

Giovanni Simonetta (Caccuri, 1420Vercelli, 1490) è stato un politico e umanista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del noto statista Cicco Simonetta, nacque a Caccuri, dove svolse i primi studi e poi si trasferì a Milano con lo zio Angelo ed il fratello Francesco, detto Cicco, presso la corte degli Sforza. Nel 1460 divenne feudatario di Rocca di Neto e Roccella per concessione di Ferdinando I di Aragona.

Giovanni presto acquisì prestigio presso la corte milanese, divenendo prima cancelliere ducale e poi segretario del duca Francesco Sforza nel 1456. Dopo la morte di Francesco Sforza, completò la stesura della sua opera storiografica più importante, detta "Sforziade": 'Rerum Gestarum Francisci Sfortiae Mediolanensium Ducis", in 31 libri, nei quali vengono esposti gli eventi nel Ducato di Milano negli anni a cavallo tra il 1442 e il 1466.

Dopo la morte del fratello Cicco, venne preso di mira da Ludovico il Moro, che lo fece esiliare a Vercelli, risparmiandogli la vita in quanto aveva celebrato la grandezza di suo padre. Morì in esilio intorno al 1490.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • «SIMONETTA, Giovanni», la voce nella Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936.
  • «Simonétta, Giovanni», la voce in Enciclopedie on line, sito "Treccani.it L'Enciclopedia italiana".
Controllo di autorità CERL: cnp01240028