Giovanni Cassis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Cassis
Giovanni cassis.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 6 dicembre 1913 –
5 novembre 1938
Incarichi parlamentari
  • Commissione d'accusa dell'Alta Corte di Giustizia
  • Commissione per l'esame dei disegni di legge sui trattati internazionali
  • Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori
  • Commissione per l'esame del disegno di legge "Contravvenzioni per porto d'arma"
  • Commissione parlamentare d'inchiesta sulle spese di guerra
  • Commissione parlamentare d'inchiesta sull'ordinamento e funzionamento delle amministrazioni centrali e sui servizi da esse dipendenti e sulle condizioni del relativo personale
  • Commissione di finanze
  • Commissione per l'esame del disegno di legge "Provvedimenti per la bonifica integrale"
  • Commissione di vigilanza all'Amministrazione delle ferrovie dello Stato

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Prefetto, magistrato

Giovanni Nepomuceno Augusto Cassis Conte Palatino, cavaliere del Sacro Romano Impero (Padova, 12 ottobre 1853Roma, 5 novembre 1938) è stato un magistrato, prefetto e politico italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Eugenio Luigi Cassis, magistrato radiato dall'Austria per la sua partecipazione ai moti del 1848, compie gli studi a Padova e si laurea in giurisprudenza a Bologna. Inizia la carriera nella pubblica amministrazione nel 1874. Viene nominato prefetto di Sassari (1898), Messina (1899), e Venezia ( 1900) e membro del Consiglio di Stato nel 1920, dal quale viene collocato a riposo come Presidente onorario di sezione. Ha svolto numerosi incarichi, tra i quali la reggenza del Banco di Sicilia (22 novembre 1906-febbraio 1907) e la Commissione di vigilanza dell'Amministrazione delle Ferrovie dello Stato (5 dicembre 1921-4 febbraio 1923).

Dal 1º giugno 1915, con l'entrata dell'Italia nella prima guerra mondiale, è nominato Commissario civile per il territorio della Provincia di Milano e Prefetto incaricato. In questa veste deve affrontare il grave problema degli sfollati e dei profughi trentini in fuga dalle zone di guerra, che si assommano ai numerosi esuli e disertori anti-austriaci che giungono fin dal conflitto del 1849. Con l'aumento degli arrivi a seguito dell'offensiva autro-ungarica del 1916 promuove la costruzione di una colonia per i profughi, una cittadella indipendente gestita dalla Commissione per i Fuoriusciti Trentini, attiva dal 1914.[1]

Nel 1923, da membro della commissione per la legge sulle bonifiche, viene chiamato a indagare sull'operato della Società anonima bonifiche pontine, emanazione del Banco di Roma costituita per la bonifica, tra gli altri, di oltre 6000 ettari di terra all'uopo conferiti dalla famiglia Caetani, che siede nel consiglio di amministrazione con un proprio rappresentante. L'inchiesta, voluta personalmente da Mussolini, nasce da voci ricorrenti di irregolarità circa la gestione economica dei cospicui fondi che il governo ha stanziato per il prosciugamento delle paludi e la fondazione delle nuove città ma si conclude senza particolari manchevolezze di gestione e con un giudizio comunque negativo sul comportamento della dirigenza, espressione dei partiti popolare e socialista, a causa di numerosi conflitti di interesse.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

Straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine del Leone e del sole (Persia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine del Leone e del sole (Persia)
Ufficiale della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'onore (Francia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Milano accoglie i fuoriusciti ed i profughi Trentini e Friulani, alpinimilanocentro.it. URL consultato il 19 novembre 2015.
  2. ^ Daniela De Angelis. Natale Prampolini (1876-1959): L'ingegnere delle bonifiche. Gangemi editore.
    A gestire la società, costituita nel 1919, sono esponenti del Partito Popolare Italiano (Gino Clerici, Filippo Meda), e del Partito Socialista (Angelo Omodeo, amico personale di Filippo Turati), che da un giorno all'altro si trovano alle prese con le simpatie fasciste di Gelasio Caetani, sorte contemporaneamente all'ascesa di Mussolini al governo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]