Giano Fregoso (vescovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giano Fregoso
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Agen dal 1555 al 1586
 
Nato1537, Verona
Consacrato vescovo1555, Agen
Deceduto1586, Bazens
 

Giano Fregoso (Verona, 1537Bazens, 1586) è stato un vescovo cattolico italiano.

Stemma dei Fregoso

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del diplomatico Cesare Fregoso e di Costanza Rangoni.

Dal 1538 al 1541 fu ospitato, assieme ai genitori e al poeta Matteo Bandello, presso la corte di Aloisio Gonzaga, marchese di Castel Goffredo.[1] Dopo l'assassinio del padre nel 1541 per ordine di Carlo V, la vedova, i figli e il Bandello si rifugiarono prima a Venezia e poi in Francia a Bazens, ospiti del re Francesco I.

A Bazens ebbe come precettori Giulio Cesare Scaligero e lo stesso Bandello. Fu nominato vescovo di Agen nel 1555 grazie all'intervento dell'imperatrice Caterina de' Medici e si schierò subito contro i protestanti del sud-ovest della Francia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]