Ginevra Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ginevra Sforza (Ancona, 1440Busseto, 16 maggio 1507) era figlia illegittima di Alessandro Sforza, signore di Pesaro.

Signoria di Pesaro
Sforza
Coat of arms of the House of Sforza.svg

Alessandro
Figli
Costanzo
Figli
Giovanni
Figli
Costanzo II
Modifica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposò il maturo Sante Bentivoglio, cugino di Giovanni II Bentivoglio, il 19 maggio 1454 presso la chiesa di San Giacomo Maggiore[1]. Al primo marito diede due figli[2]:

Nel 1463 rimase vedova e l'anno dopo sposò Giovanni II, divenendo tra l'altro sua consigliera[3]. Probabilmente tra i due era già nata una relazione[4].

Ginevra diede al marito sedici figli, di cui cinque morirono nella prima infanzia:

Famiglia Bentivoglio, di Lorenzo Costa

Strinse amicizia con Gentile Budrioli, moglie del notaio Alessandro Cimieri e studentessa all'università di Bologna, che venne accusata di stregoneria e messa al rogo nel 1498[3].

Nel 1466 il papa Paolo II riconobbe la signoria di Giovanni e gli attribuì il Vicariato papale di Bologna[4].

Dopo aver affrontato quella dei Malvezzi nel 1488, nel 1501 i Bentivoglio scoprirono un'altra congiura organizzata dalla famiglia rivale dei Marescotti. Su consiglio di Ginevra, molti membri della famiglia furono ucciso per vendetta[1].

Nel 1505 i congiurati scampati alle stragi chiesero aiuto al papa Giulio II il quale ordinò a Giovanni II di lasciare la città insieme alla famiglia. Ginevra, esiliata a Parma, dove aveva trovato rifugio presso il marchese Pallavicino, venne scomunicata in quanto non si era allontanata sufficientemente da Bologna.[3] Giulio II si rifiutò sempre di riceverla, nonostante le numerose suppliche, nel suo stesso castello di Ponte Poledrano (oggi Bentivoglio) del quale il Papa aveva preso possesso. A Bologna le proprietà dei Bentivoglio furono saccheggiate e il Palazzo Bentivoglio raso al suolo.

Morì 16 maggio 1507 e il suo corpo venne sepolto in una fossa comune nei pressi di Busseto[3]. L'anno dopo morì anche Giovanni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]