Giacomo Luigi Ciamician

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacomo Luigi Ciamician
Ciamician-Giacomo 01a.jpg

Senatore del Regno d'Italia

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Chimica
Professione Chimico

Giacomo Luigi Ciamician (Trieste, 1857Bologna, 2 gennaio 1922) è stato un chimico austriaco e poi italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Membro della comunità armena di Trieste (era nipote di uno stimato padre Mechitarista) studiò nella sua città natale e a Vienna, prima di laurearsi a Giessen con una tesi sulle affinità chimiche.

Durante il periodo giovanile viennese pubblicò analisi sugli spettri di numerosi elementi chimici, le sue ricerche di quell'epoca furono notate e citate da Mendeleev, il grande chimico russo, a supporto del suo sistema periodico degli elementi[1].

Assistente di Stanislao Cannizzaro insieme a Augusto Piccini a Roma dove continuò ad occuparsi di spettroscopia e di composti organici azotati, nel 1887 divenne professore di chimica dapprima all'Università di Padova e dal 1889 presso l'Università di Bologna dove rimase fino alla morte.

Le sue ricerche si concentrarono sulle azioni chimiche della luce e sulla presenza di alcaloidi nelle piante. Si dedicò a lungo alla chimica del pirrolo e dei suoi derivati, facendo assumere in questo campo un ruolo di primo piano alla chimica italiana.

Dal 1898 fu socio dell'Accademia nazionale delle scienze. Nel 1910 divenne il primo triestino ad essere nominato senatore del Regno d'Italia nella XXIII Legislatura.

Dopo la sua morte gli venne dedicato il Dipartimento di Chimica[2] della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Bologna. Inoltre a lui è dedicata un'aula presso il dipartimento di ingegneria chimica (DICAMP) dell'Università di Trieste, sua città natale. Per i suoi lavori viene considerato un precursore e profeta dell'energia solare[3] e più in generale, il fondatore della moderna fotochimica.[4] È anche stato on pioniere della fotosintesi artificiale e della transizione energetica dall'utilizzo di fonti rinnovabili.[5][6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ScienzaGiovane, voce Giacomo Ciamician a cura di Marco Taddia url consultato il 7 aprile 2012
  2. ^ Archivio storico - Università di Bologna
  3. ^ [1] Giorgio Nebbia and George B. Kauffman, Prophet of Solar Energy: A Retrospective View of Giacomo Luigi Ciamician (1857–1922), the Founder of Green Chemistry, on the 150th Anniversary of His Birth, 2007 The Chemical Educator
  4. ^ breve biografia di Giacomo Ciamician, da Scienzain rete.it url consultato il giorno 11 gennaio 2012
  5. ^ Nicola Armaroli, Vincenzo Balzani, The Future of Energy Supply: Challenges and Opportunities. In: Angewandte Chemie 46, (2007), 52–66, DOI10.1002/anie.200602373.
  6. ^ Vincenzo Balzani et al., Photochemical Conversion of Solar Energy. In: ChemSusChem 1, Issue 1-2, (2008), 26-58, DOI10.1002/cssc.200700087.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5684809 · LCCN: (ENn2008062762 · SBN: IT\ICCU\UBOV\066232 · ISNI: (EN0000 0001 1437 1361 · GND: (DE116517131 · BNF: (FRcb16262393q (data)