Furrinalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Furrinalia
Tipo di festareligiosa
Data25 luglio
Celebrata aRoma
ReligioneReligione romana
Oggetto della celebrazioneFestività romana dedicata al culto di Furrina.
Altri nomiFurinalia

I Furrinalia (o Furinalia) erano un'antica festività romana che si teneva il 25 luglio per celebrare i culti (sacra) della dea Furrina. Era una festa pubblica, ma sia la celebrazione che la dea avevano dei punti oscuri anche ai Romani dell'epoca[1]; Varrone, che visse nella prima metà del I secolo a.C., riferisce che al suo tempo pochi ne conoscessero anche solo il nome[2]. Uno dei quindici flamini di Roma (sommi sacerdoti del culto ufficiale), il flamine furrinale, le era preposto, indicando la sua importanza in epoca arcaica[3], ed un boschetto sacro, il Lucus Furrinae, le era dedicato ai piedi del Gianicolo, dove si dovevano tenere i culti[4]. Dal momento che Furrina era associata con l'acqua e che i Furrinalia seguivano i Lucaria (festa dei boschi), tenuti dal 19 al 21 luglio ed i Neptunalia del 23 luglio, si può ipotizzare che le festività servissero a scongiurare la siccità[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Varrone, De lingua latina V, 84
  2. ^ Nunc vix nomen notum paucis: Varrone, De lingua latina VI, 19
  3. ^ Varrone, De lingua latina VI, 19: cuius deae honos apud antiquos, nam ei sacra instituta annua et flamen attributus
  4. ^ Ken Dowden, European Paganism: The Realities of Cult from Antiquity to the Middle Ages, Routledge, 2000, p. 239.
  5. ^ Robert Schilling, "Neptune," Roman and European Mythologies, University of Chicago Press, 1992, p. 138