Franz de Paula Gundaker von Colloredo-Mansfeld

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franz de Paula Gundaker von Colloredo-Mansfeld

Franz de Paula Gundaker von Colloredo-Mansfeld (Vienna, 28 maggio 1731Vienna, 27 ottobre 1807) è stato un diplomatico e politico austriaco. Fu l'ultimo vice cancelliere del Sacro Romano Impero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del vice cancelliere del Sacro Romano Impero, Rudolph Joseph von Colloredo-Waldsee, uno dei suoi fratelli fu il noto arcivescovo di Salisburgo, Hieronymus von Colloredo, primo datore di lavoro del celebre musicista e compositore austriaco Wolfgang Amadeus Mozart.

Avviato alla carriera diplomatica dal padre, nel 1753 riuscì ad essere nominato consigliere aulico dell'imperatore. Venne quindi destinato da Francesco Stefano a missioni diplomatiche estere ed in particolare si occupò attivamente di rappresentare la parola dell'imperatore nelle elezioni dei principi spirituali nel Sacro Romano Impero. Nel 1760 fu messo ufficiale alla corte francese per la preparazione del matrimonio tra l'allora arciduca Giuseppe e l'infanta Isabella di Borbone-Parma. Nel 1766 venne nominato membro del Consiglio Privato dell'imperatore. Nel 1764 si recò a Francoforte sul Meno dove aveva sede la dieta tedesca ed e riportò all'imperatrice Maria Teresa la notizia dell'elezione di suo figlio Giuseppe II al titolo di re dei Romani. Tra il 1767 ed il 1770 fu inoltre ambasciatore imperiale in Spagna e, successivamente, divenne il primo commissario imperiale a Wetzlar.

Nel 1788, dopo la morte del padre, assunse anche la gestione del patrimonio di famiglia che comprendeva vasti possedimenti in Boemia ed in Austria e gli succedette nel 1789 come vice cancelliere del Sacro Romano Impero. Durante la sua reggenza di questo incarico, gli fu impossibile bloccare la dissoluzione dell'Impero che terminò ufficialmente nel 1806 e con esso terminò anche il suo incarico di vice cancelliere.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1771, Franz si sposò con sua cugina Maria Isabella, figlia di Heinrich Franz von Mansfeld, principe di Fondi. Alla morte del suocero, dal momento che questi non aveva avuto eredi maschi, la sua linea della famiglia confluì in quella di Franz che ne incamerò anche le copiose sostanze. Da questo primo matrimonio nacquero tre figli e due figlie, tra cui il feldmaresciallo luogotenente Hieronymus von Colloredo-Mansfeld, il diplomatico e politico Ferdinand von Colloredo-Mansfeld ed il primo oberhofmeister Rudolf von Colloredo-Mansfeld.

Dopo la morte della prima moglie, si risposò nel 1797 con la contessa Maria Josepha von Schrattenbach, già vedova del conte Guidobald von Dietrichstein e del conte Johann Joseph di Khevenhüller-Metsch, dalla quale però non ebbe altri figli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (ramo austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (ramo austriaco)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vice Cancelliere del Sacro Romano Impero Successore Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg
Rudolph Joseph von Colloredo-Waldsee 17891806 Titolo soppresso
Controllo di autorità VIAF: (EN35213730 · GND: (DE116654813
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie