Franco Oneta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Franco Oneta (Casalbuttano ed Uniti, 23 novembre 1934Desenzano del Garda, 11 gennaio 2016) è stato un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a lavorare all'età di 15 anni disegnando il personaggio Trottolo per l'editore Giurleo.

Tra la metà degli anni cinquanta e la metà degli anni sessanta collabora con il Messaggero dei ragazzi di Padova e con la rivista Madre; per quest'ultima realizza versioni a fumetti di Capitani coraggiosi e de I ragazzi della via Pal.

Collabora per vari anni con l'editrice francese Lug per la quale disegna Galaor (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli) e soprattutto la saga di Zembla (testi di Cesare Sorlini) il Tarzaneide per cui realizza più di 200 episodi. Quindi sempre per la Lug converte in fumetti il cartone animato Oum le dauphin Blanc, ristampato in Italia con il titolo di Zum il delfino bianco.

Lavora per molti anni per Il Giornalino per cui pubblica fumetti tratti dai cartoni animati televisivi Il fiuto di Sherlock Holmes e Snorky, realizza una serie avventurosa chiamata Class Airport, realizza fumetti pubblicitari (Robotix). Negli ultimi anni sempre per Il Giornalino ha ridotto a fumetti il film The Pagemaster, ha realizzato numerosi fumetti dei personaggi di Hanna-Barbera.

Da anni realizza inoltre un suo personaggio Olivo lo Sportivo (Piemme) le cui avventure sono state pubblicate sulla Settimana Enigmistica e su Il Piccolo Missionario.

Nel 1985 ha collaborato con il programma televisivo della Rai in sei puntate "Natura con rabbia e con amore". Per quasi quarant'anni vive e disegna a Desenzano del Garda.

Muore l'11 gennaio 2016 all'età di 81 anni a seguito di una malattia[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2012 la Città di Desenzano del Garda gli dedica una mostra dal titolo: "Franco Oneta: Viaggio nel mondo dei fumetti e dell'illustrazione tra fantasia e spiritualità".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2489634 · ISNI: (EN0000 0000 0448 3522 · SBN: IT\ICCU\MODV\234373 · BNF: (FRcb12052481w (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie